Serie A, esonerati D’Anna e Ballardini: al loro posto Ventura e Juric

Saltano le prime due panchine in Serie A: Chievo Verona e Genoa esonerano infatti rispettivamente D’Anna e Ballardini.

Ventura - Fonte: fc-zenit.ru, Autore: Вячеслав Евдокимов
Ventura – Fonte: fc-zenit.ru, Autore: Вячеслав Евдокимов

Dopo la sconfitta subita dai gialloblù a San Siro contro il Milan, giravano voci su un possibile esonero che poi è avvenuto nella giornata odierna. Con un comunicato apparso sul sito arriva l’ufficialità: “L’ A.C. Chievo Verona comunica di aver sollevato Lorenzo D’Anna dall’incarico di allenatore della prima squadra. Al mister vanno i ringraziamenti per il lavoro svolto fin dal primo giorno con impegno, serietà e correttezza professionale. A lui va il più sentito in bocca al lupo per il prosieguo della carriera.” Mister D’Anna era subentrato a Maran a tre giornate dal termine della scorsa stagione ed ottenendo altrettante vittorie contro Crotone, Bologna e Benevento guadagnandosi la conferma per il nuovo campionato. L’avvio della nuova stagione non ha portato i frutti che il mister sperava dato che nonostante abbia dimostrato un discreto gioco, il suo Chievo ha collezionato appena due punti in sette partite disputate che gli è costato l’esonero. Arriva anche l’ufficialità del nuovo tecnico dei clivensi per i prossimi due anni: sarà Gian Piero Ventura. L’ex CT della nazionale, imputato numero uno per la mancata qualificazione al Mondiale svoltosi in  Russia, ritorna così in pista e dare una scossa all’ambiente centrando la salvezza. Nonostante la parentesi negativa con la nazionale, mister Ventura porta con sé un curriculum di tutto rispetto. Nei suo 40 anni di carriera il tecnico ha allenato in serie C per poi allenare nella serie B (Sampdoria, Cagliari, Verona e Pisa). Nel 2009 viene ingaggiato dal Bari per sostituire Antonio Conte e si fa apprezzare per il suo bel gioco con il modulo offensivo 4-2-4, arrivando al 10° posto in classifica con 50 punti (record in A per i pugliesi) e lanciando nel grande calcio Bonucci e Ranocchia. Dimessosi l’anno successivo dopo una serie di risultati negativi e nonostante una buona partenza, Ventura viene chiamato poi dal Torino dando vita ad un quinquennio molto soddisfacente, ottenendo ottimi piazzamenti ed una buona cavalcata in Europa League nel 2015. Il resto è storia recente, Zaccardo (ex difensore della nazionale) dice la sua: “Se salverà il Chievo, lo faranno diventare un eroe”. Ora Ventura ha 30 giornate di campionato per permettere la permanenza del Chievo Verona al prossimo campionato di serie A e buttarsi il recente passato alle spalle dimostrando così che può dare ancora qualcosa al calcio italiano.

Tutt’altra storia a Genova, dove il presidente rossoblù Preziosi ha esonerato a sorpresa il tecnico Ballardini. A differenza del suo collega e nonchè ex allenatore dei clivensi, Ballardini ha avuto un buon avvio di campionato conquistando 12 punti in 7 partite e facendo esplodere il talento di Piatek (capocannoniere con 8 gol). Preziosi, intervistato in serata, si esprime in modo duro e diretto verso il suo ex tecnico: “In 14 stagioni è stato esonerato 13 volte e solo con la Sambenedettese in C aveva completato il campionato. Lui sa gestire solo le situazioni complicate e se inizia una stagione non consente alla squadra di compiere il salto di qualità. La classifica non conta, ha il capocannoniere della serie A, una rosa di 25 giocatori con quattro attaccanti. Domenica abbiamo perso contro il Parma, squadra nettamente inferiore a noi. E’ una brava persona ma è scarso, non sa mettere i giocatori in campo. Non mi fa piacere cacciarlo ma non posso continuare con lui rischiando di offrire certi spettacoli. Ho parlato con lui per circa un’ora e mezzo ma non mi ha fornito le risposte che mi aspettavo.” Spazio quindi al ritorno di Ivan Juric, esonerato la scorsa stagione dopo il derby perso contro la Sampdoria per 2-0. Giravano voci su un possibile arrivo di Davide Nicola (ex tecnico del Crotone), ma il suo nome non ha convinto il presidente Preziosi che ha deciso di rinnovare la fiducia al tecnico croato anche perché Juric è ancora sotto contratto con il Genoa. Ivan Juric, dopo una buona carriera calcistica vestendo le maglie di Crotone, Genoa e anche della nazionale croata, diventa assistente di Gasperini al Genoa, Inter e Palermo per poi ritornare ad allenare la squadra primavera dei rossoblù ed andare a Mantova nella stagione 2014/15. Raggiunge l’apice della sua carriera quando viene chiamato ad allenare il Crotone, partendo dall’obiettivo salvezza per poi arrivare secondo in campionato conquistando una storica promozione in serie A per i calabresi. Juric terrà una conferenza mercoledì 10 presso la sala stampa del centro sportivo G.Signorini alle 14, mentre alle 15:30 svolgerà il suo primo allenamento a porte aperte.