I Top 11 di Soccer Magazine – Stagione 2016/2017: che bella la Dea del Gasp, Dzeko bomber ritrovato

Gian Piero Gasperini
Fonte: flickr.com Autore: Hop-Frog

Anche questa Serie A è terminata dopo aver regalato grandi emozioni fino all’ultimo minuto, come testimonia anche l’incredibile salvezza del Crotone. La Juventus di Massimiliano Allegri è riuscita nell’impresa di vincere il sesto scudetto di fila, ma ha dovuto sudarselo forse più del previsto per via della grande stagione di Roma e Napoli. La magnifica Atalanta del Gasp ha ottenuto addirittura il quarto posto superando all’ultima giornata l’ottima Lazio di Simone Inzaghi, mentre il Milan guidato da Montella ha centrato nuovamente l’Europa dopo tre anni di assenza. Dall’altra sponda del Naviglio, invece, l’Inter ha vissuto un’altra annata da dimenticare con tanti cambi in panchina e tante delusioni nonostante una rosa di grande livello. In coda salutano il massimo campionato italiano Pescara, Palermo ed Empoli. Ecco, quindi, quali sono stati a nostro giudizio i migliori giocatori di questo campionato, quelli che hanno vissuto una grande stagione ad altissimi livelli:

Tra i pali viene premiato Alex Cordaz del Crotone. Se i Pitagorici sono riusciti ad ottenere una clamorosa salvezza lo devono anche e soprattutto al suo portiere che in diverse occasioni è stato decisivo con le sue numerose parate. In difesa i terzini saranno Andrea Conti dell’Atalanta e Alex Sandro della Juve. Il primo ha vissuto una stagione semplicemente magica, uno dei principali protagonisti della cavalcata della Dea grazie ai suoi ben 8 gol messi a segno. Il secondo ha confermato la sua grande crescita già evidenziata nella passata stagione e quest’anno si è dimostrato il migliore in assoluto nel suo ruolo. Coppia centrale formata da un altro atalantino, Mattia Caldara, e Federico Fazio della Roma. Il giovane difensore centrale è stato una delle principali rivelazioni stagionali, attento e preciso in difesa e bomber inaspettato nella metà campo avversaria, si è già assicurato la maglia della Juve a partire dal giugno 2018. Il gigante giallorosso, arrivato tra lo scetticisimo generale, ha invece fatto ricredere tutti, diventando in breve tempo un intoccabile di Spalletti e collezionando grandi prove in successione una dietro l’altra.

Sugli esterni di centrocampo invece troviamo Alejandro Gomez e Dries Mertens. Il Papu dell’Atalanta è forse l’uomo simbolo dei bergamaschi, autore di un’annata pazzesca in cui ha trascinato i suoi con i suoi 16 gol a cui ha aggiunto anche ben 10 assist. Il folletto belga del Napoli forse non si sentirebbe più a suo agio in questa posizione ora che si è abituato a giocare da centravanti. E i risultati sono stati a dir poco strabilianti e sorprendenti. L’infortunio di Milik l’ha avvicinato la porta e da falso nueve, o così almeno era inizialmente, ha iniziato a segnare a raffica per un totale di 28 reti che gli sono valse il secondo posto nella classifica marcatori. La coppia di centrocampisti in mezzo al campo sarà invece composta da Sami Khedira e Marek Hamsik. Il tedesco della Juventus è finalmente riuscito a disputare una stagione senza particolari infortuni e la resa in campo ne ha beneficiato nettamente. Intoccabile di Allegri, ha saputo dare equilibrio in mezzo al campo, diventando anche una spina nel fianco per le difese avversarie con i suoi continui inserimenti che hanno prodotto anche 5 gol. Il capitano del Napoli si è invece confermato sugli strepitosi livelli dell’anno scorso, disputando con Sarri un altro campionato eccezionale in cui non ha saltato nemmeno una partita. Anche per lui i numeri parlano chiari con la doppia doppia realizzata grazie ai suoi 12 gol e 10 assist.

Il tandem d’attacco vede invece affiancarsi due bomber di razza: Andrea Belotti ed Edin Dzeko. Il Gallo del Torino ha vissuto la stagione della consacrazione, attirando su di sé le attenzioni di tante big d’Europa grazie alle 26 marcature messe a segno quest’anno. Oltre a questo però ha dimostrato tanta voglia e tanta fame che lo porteranno sicuramente lontano nella sua carriera. Il bosniaco della Roma, invece, è stato il capocannoniere di questa Serie A e quasi nessuno l’avrebbe mai immaginato dopo la prima deludente stagione nella capitale. Quest’anno però ha ritrovato lo smalto dei tempi migliori e si è dimostrato un’autentica macchina da gol, ben 29, a cui ha aggiunto tanto lavoro per i compagni come certificano i 9 assist.

Per guidare questa Top 11 c’erano diversi allenatori in lizza, ma la nostra scelta finale è ricaduta su Gian Piero Gasperini. Dopo le prime giornate alla guida dell’Atalanta le cose non giravano affatto, ma nel momento più difficile ha avuto il coraggio di affidarsi ai suoi giovani e la scelta ha ripagato ben oltre le aspettative. Per la Dea è infatti arrivato il quarto posto in classifica con record di punti in un solo campionato, dove si sono messi in mostra tanti ragazzi che ora sono desiderio dei principali club italiani, ma non solo. Quanti di questi vestiranno ancora la maglia nerazzurra non lo sappiamo, ma se lo faranno avranno anche l’opportunità di mettersi in mostra sul palcoscenico dell’Europa League.