6° Giornata Serie B: all'”Arena Garibaldi” Pisa-Ascoli Picchio 2-1

Sesta giornata di Serie B che vede affrontarsi in un'”Arena Garibaldi” praticamente vuoto per via delle disposizioni del Prefetto di Pisa di giocare la gara a porte chiuse, i padroni di casa del Pisa di Gennaro Gattuso e l’Ascoli di Alfredo Aglietti.

Lo stadio del Pisa. Fonte: miguelftorres (wikipedia.org)
Lo stadio del Pisa. Fonte: miguelftorres (wikipedia.org)

Il primo tentativo è degli ospiti, con la conclusione al 10′ di Orsolini dai 25 metri che termina alto al termine di una bella azione personale; tre minuti più tardi è ancora l’Ascoli a provarci, stavolta con Gatto che salta due uomini ma entrato in area calcia debolmente, facile la parata di Ujkani. Al 19′ si fa vedere anche il Pisa, con un calcio di punizione da oltre 30 metri di Mannini che termina alto, con Lanni che controlla la traiettoria della sfera; partita bloccata e molti errori da ambo le parti in fase passaggio finale, ma al 38′ il Pisa la sblocca: scambio tra Lores Varela ed Edgar Cani, con l’uruguayano che entra in area e calcia forte sul primo palo battendo Lanni. Al 41′ il Pisa reclama un rigore, con Gigliotti che trattiene Varela solo davanti a Lanni: l’arbitro lascia continuare e poi lo stesso attaccante uruguagio va al tiro, ribattuto dalla difesa ascolana; la squadra di Gattuso cerca di chiuderla e, al 45′, su una mischia in area, nè Mannini nè Golubovic riescono ad indirizzare di testa verso la porta di Lanni.
Nella ripresa si fa vedere subito l’Ascoli, con Cassata che al 48′ va via a tre uomini sulla sinistra, poi prova con il destro a giro dal limite che termina abbondantemente alto. Al 53′ ancora bianconeri in avanti, con un tentativo ravvicinato di Gatto respinto da Ujkani, poi calcia Cacia ma è in posizione di off-side. Al 74′ il Pisa raddoppia: Lores Varela apre sulla sinistra per il neo entrato Eusepi, passaggio rasoterra a centro area dove arriva Verna che insacca di piatto. L’Ascoli prova a reagire ed accorciare le distanze, così al 78′ ci prova il neo entrato Perez di testa, palla di poco a lato e all’81’ ci prova con un tiro dal limite Bianchi parato da Ujkani. Sono le prove generali per il gol ascolano che arriva all’84’, con un bel sinistro di Hallberg da fuori area che batte l’estremo difensore kosovaro del Pisa, che un minuto più tardi sfiora il tris in contropiede con Montella che da dentro l’area calcia fuori. Insiste il Pisa, con il tentativo all’87’ di Golubovic dal limite, il diagonale del centrocampista nerazzurro finisce a lato. Nei minuti di recupero Ascoli arrembante e per due volte vicino al pareggio, al 91′ ed al 92′, con il giovane Favilli che di testa costringe a due grandi parate Ujkani.