L’Atalanta vince ancora: al 94′ l’Empoli va ko. Nerazzurri da record nell’anno solare

Fonte foto: Flickr
Fonte foto: Flickr

L’Atalanta vince meritatamente al 94′ contro un Empoli che a Bergamo si è prettamente difeso per tutti i 90′, riuscendo abbastanza bene nel proprio intento.
I toscani erano anche passati in vantaggio, grazie al terzo gol in due gare di un attivissimo Mchedlidze.
L’Atalanta non ha mollato, forte di grande intensità e delle solita qualità di gioco. Questi fattori sono parsi evidenti solo nel secondo tempo, quando gli uomini di Gasperini si sono portati con costanza nella trequarti avversaria.
Questa vittoria porterà grandissimo morale e positività in un ambiente che sperava vivamente di chiudere l’anno con tre punti, anche per sperare di non chiudere con qualche piccolissimo rimpianto una stagione stupenda. E’ quasi un peccato che arrivino la sosta e le vacanze in casa Atalanta, visto che queste potrebbero portare in dote il cambiamento di qualche variabile nei meccanismi che stanno caratterizzando la stagione della squadra bergamasca. Comunque dovesse proseguire la stagione, questa squadra rimarrà a lungo nella mente e nel cuore degli appassionati della Dea.

Tornando al match di questa sera, fondamentale l’apporto di Frank Kessie, subentrato a Kurtic al primo della ripresa. L’ivoriano ha siglato il gol del momentaneo pareggio con un bel tiro da appena fuori l’area, per poi fornire il cross che all’ultimo ha portato la sua squadra a vincere la decima partita stagionale.
Il gol appena citato è stato siglato da D’Alessandro, al primo rete in stagione.  La realizzazione servirà all’ex Cesena sotto il profilo psicologico, anche se al momento gli equilibri di squadra paiono non prevedere un suo utilizzo dal primo minuto.  A questo proposito, buona la prova di Spinazzola nel primo tempo, che ha messo in grande difficoltà Cosic sulla sua fascia. L’ex Perugia e Siena ha dato dimostrazione di poter essere un giocatore di buon livello, in grado di dare una mano sulla corsia mancina. Non a caso, nelle ultime settimane, il ventitreenne scuola Juve ha nettamente scalzato Dramè nelle gerarchie del mister di Grugliasco.

L’Empoli, privo dell’influenzato dell’ultima ora Saponara, ha finito per subire la forma dei nerazzurri, a tratti apparsa difficilmente contenibile dagli ospiti. Poco dopo l’1-1 era stata la traversa a salvare Skorupski dalla capitolazione.
I toscani sono stati incapaci di effettuare una controreazione alle azioni dell’Atalanta nella ripresa, visti i molti metri di campo persi e una tattica di gara che è parsa impostata, di conseguenza, sulle ripartenze.

La vittoria nerazzurra ha un ulteriore buon sapore, visto che i punti conquistati questa sera hanno permesso a Gomez e compagni di bissare un record che rimarrà, probabilmente, per parecchio tempo nella memoria dei tifosi atalantini: 53 punti conquistati nell’anno solare. Migliorato il primato del 2007, con in panchina due allenatori che hanno scritto pagine importantissime della storia recente del club orobico: Luigi Del Neri e Colantuono.

– TRA GIOIE E RIMPIANTI
Le due squadre arrivano alle feste natalizie con stati d’animo assai differenti: l’Atalanta si trova in piena zona Europa, con il sesto posto ufficialmente in cascina fino all’8 gennaio. L’Empoli chiude con qualche rimpianto, visto che muovere la classifica avrebbe dato ulteriore fiducia ad un gruppo che ultimamente è parso su un’ottima strada.

ATALANTA-EMPOLI 2-1  (Primo tempo 0-0)

MARCATORI Mchedlidze (E) al 6’, Kessie (A) al 29’, D’Alessandro (A) al 49 s.t

ATALANTA (3-4-1-2) Sportiello 5; Toloi 6, Masiello 6, Zukanovic 6; Conti 6 (dal 12’ s.t. D’Alessandro 6,5), Gagliardini 5,5, Freuler 6, Spinazzola 6,5; Kurtic 5,5 (dal 1’ s.t. Kessie 7,5); Petagna 6 (dal 27’ s.t. Pesic 6), Gomez 7,5(Bassi, Mazzini, Caldara, Konko, Raimondi, Dramé, Migliaccio, Grassi, Cabezas). All. Gasperini

EMPOLI
(4-3-1-2) Skorupski 6,5 ; Cosic 5,5, Bellusci 6,A. Costa 6(dal 17’ p.t. Veseli), Dimarco 6,5; Tello 5, Diousse 7, Buchel 5; Croce 5,5; Mchedlidze 6,5 (dal 28’ s.t. Gilardino sv), Marilungo 6 (dal 22’ s.t. Pucciarelli sv) (Pelagotti, Pugliesi, Carradori, Seminara, Maiello, J. Mauri, Matheus, Giampà, Maccarone). All. Martusciello

ARBITRO
Fabbri di Ravenna
NOTE Paganti 2.982 per un incasso di 32.521,99 euro; abbonati 10.841, quota abbonati 129.641,90 euro. Ammoniti Buchel (E), Marilungo, Kurtic (A) e Diousse (E) per gioco scorretto, Gomez per comportamento non regolamentare