5° Giornata Serie A: nell’anticipo dell’infrasettimanale a S.Siro Milan-Lazio 2-0

Il Milan stende la Lazio di Simone Inzaghi nell’anticipo del turno infrasettimanale valido per la 5° Giornata con un netto 2-0 in una partita molto gradevole.

M'Baye Niang. Fonte: bolognafc.it
M’Baye Niang. Fonte: bolognafc.it

Prima mezz’ora che vede una Lazio molto aggressiva: al 3′ ci prova Djordjevic, ma la sua conclusione è debole; al 12′ ancora biancocelesti in avanti, con Milinkovic-Savic che di testa impegna Donnarumma direttamente su azione d’angolo. Al 14′ si fa vedere il Milan, con un timido tentativo di Niang; i rossoneri crescono ed al 34′ ci prova Bonaventura, ma la sua conclusione, dopo un rimpallo con Bastos termina a lato. Passa un minuto e la squadra di Montella passa in vantaggio: Parolo perde palla a centrocampo, Lazio scoperta e Kucka verticalizza per Bacca, che si presenta solo davanti a Strakosha e lo batte con una perfetta conclusione. Nel finale di tempo ancora rossoneri pericolosi, in entrambe le circostanze con Bonaventura, che al 38′ trova la risposta con i pugni di Strakosha, che poi quasi la combina grossa cinque minuti più tardi parando in due tempi sulla linea di porta. Nel tempo di recupero annullato un gol a Kucka per carica su Strakosha.
Nella ripresa si fa vedere subito Keita, subentrato al posto di Bastos, che al 47′ calcia però alto; al 55′ torna in avanti la Lazio, con Immobile che ci prova in diagonale, Donnarumma controlla la sfera terminare a lato. Passa un minuto ed il Milan sfiora il raddoppio: Bacca verticalizza per Calabria che mette al centro per Niang che, tutto solo a porta vuota, sbaglia clamorosamente mandando a lato. Al 66′ torna in avanti la Lazio, che vede la conclusione di Lulic sugli sviluppi di un angolo terminare abbondantemente fuori; al 72′ il solito Niang si rende pericoloso, calciando di sinistro dal limite dopo una percussione da destra, attento Strakosha para. Sul ribaltamento di fronte ci prova anche Felipe Anderson, ma la sua conclusione non crea problemi a Donnarumma. Al 74′ il Milan raddoppia: Bacca verticalizza per Niang, il cui cross viene preso con la mano da Radu. Rigore che lo stesso francese va a battere spiazzando Strakosha. Al 78′ rossoneri pericolosi anche con Kucka, che calcia una punizione dai 30 metri, respinta dall’estremo difensore biancoceleste; all’86’ ed all’89’ pericoloso Keita: prima calcia alto al termine di un’azione personale, poi impegna con una bella conclusione Donnarumma che para. Al 94′ occasionissima per Immobile che, su azione d’angolo, manda incredibilmente fuori da due metri a porta praticamente vuota.