Calciomercato Juventus: addio Pogba ma arrivi pirotecnici

La Juventus di Massimiliano Allegri, in questa sessione di calciomercato, ha dovuto salutare Paul Pogba (per ben 105 milioni di euro), Roberto Pereyra, Simone Padoin, Alvaro Morata e Simone Zaza, oltre all’addio di Martin Caceres giunto al termine del proprio contratto in bianconero. Ma la Vecchia Signora ha comunque portato a termine un mercato da 9 in pagella.

juventus
Fonte immagine: Giuseppe Barbella

I giocatori che sono arrivati sono tutti di altissimo livello, partendo dalla difesa troviamo l’ex Roma Mehdi Benatia che è arrivato dal Bayern Monaco in prestito (3 milioni) con obbligo di riscatto fissato a 17 milioni ed il clamoroso arrivo, a parametro zero, del terzino brasiliano Dani Alves che già in queste prime giornate di campionato ha mostrato tutte le sue qualità tecniche.

Passando al centrocampo, nonostante la delusione per il mancato arrivo last-minute di Axel Witsel, la Juventus sì è assicurata le prestazioni di Miralem Pjanic pagando la clausola alla Roma. Inoltre ha pagato il riscatto del buon Mario Lemina e, nell’ultimo giorno di calciomercato, ha ufficializzato il ritorno di Juan Cuadrado che nella scorsa stagione è stata una pedina importantissima nello scacchiere di Allegri.

Ma è davanti il vero colpaccio realizzato dalla Juventus: Gonzalo Higuain arrivato dagli eterni rivali del Napoli per la cifra monstre di 90 milioni di euro e presentatosi subito ai suoi nuovi tifosi con un goal da 3 punti contro la Fiorentina. Inoltre Allegri potrà contare anche sul grandissimo talento di Marko Pjaca arrivato dalla Dinamo Zagabria per 23 milioni di euro.

Ma il vero capolavoro di Marotta e Paratici è stato quello di uscire rafforzati da questa campagna acquisti con un saldo positivo di oltre 20 milioni di euro, ora la Juventus ha tutte le carte in regola per dire la sua anche a livello europeo.

Alessandro Davani

Alessandro Davani

Giovane giornalista alle prime armi. Amo cucinare, ascoltare musica ed il calcio. Seguo anche il Motomondiale, la F1, i Lakers (e l'NBA in generale) ed il rugby.