Champions League, scontri a Siviglia. Un tifoso juventino operato d’urgenza

Vigilia di Champions League agitata a Siviglia.

Stadio Pizjuán, Siviglia Fonte: Flickr.com Autore: Gerard McGovern
Stadio Pizjuán, Siviglia
Fonte: Flickr.com Autore: Gerard McGovern

La città andalusa che questa sera ospiterà il match tra i padroni di casa di Sampaoli e la Juventus di Allegri è stata ieri sera oggetto di scontri tra tifoserie dei due club. Una propria e vera guerriglia che ha avuto il suo teatro di battaglia nella taberna El Papelon de Reyes Catolicos, un ristorante sito nel centro storico della città. A lanciare l’agguato sarebbe stato un gruppo di ultras del Siviglia che ha assalito dei tifosi juventini che si trovavano all’interno del locale. Ne è nata una violenta colluttazione che oltre a devastare il ristorante ha anche lasciato a terra tre feriti. Si tratta di due juventini ed un tifoso spagnolo che si ritiene faccia parte del gruppo che ha fatto irruzione nel locale. Particolarmente gravi, anche se si esclude il pericolo di vita, le condizioni di uno dei due tifosi bianconeri. Si tratta di un ragazzo di origine belga che ha riportato varie ferite all’addome ed alle gambe e che è stato operato d’urgenza nella notte.

L’aggressione – Dopo che nel pomeriggio tutto era filato liscio verso le 23 di ieri sera un gruppo composto da circa 40 persone ha fatto irruzione nel locale al grido di “.Hooligans Siviglia”. All’inerno del Papelon in quel momento c’erano circa una ventina di italiani. La rissa ha praticamente devastato il locale dove era impressionante la quantità di sangue sul pavimento. Gli scontri sarebbero poi proseguiti nei vicoli della città vecchia dove solo in un secondo momento è stato ritrovato anche un tifoso spagnolo svenuto e con la sciarpa del Siviglia. Particolare che porta gli inquirenti a propendere per il fatto che il ragazzo facesse parte del gruppo che ha condotto l’assalto.

Il precedente – La tensione tra le due tifoserie sembra tragga origine dalla finale di Europa League del 2014 giocatasi a Torino tra Siviglia e Benfica. In quell’occasione il gruppo ultras spagnolo Biris si unì con alcuni gruppi organizzati del Toro per dare la caccia non solo ai tifosi portoghesi ma anche a quelli juventini. Nei giorni scorsi sulla pagina Facebook dei Drughi, gruppo della curva sud dello Stadium, era apparso un messaggio che esortava a prestare la massima prudenza in occasione della trasferta di Siviglia.

Il comunicato del Siviglia – La tensione in città resta alta. Sono attesi in giornata circa 1.700 tifosi juventini dall’Italia. In generale i supporters bianconeri allo stadio stasera saranno circa 2mila. Mobilitati oltre 800 agenti. A condannare gli episodi di violenza di ieri sera è arrivato in tarda mattinata anche il comunicato ufficiale del Siviglia: “Il club ha fornito alle autorità di polizia tutte le informazioni a propria disposizione sugli autori dei fatti. Il Siviglia vuole dimostrare la propria energica condanna ai deplorevoli fatti che nella notte hanno visto protagonisti alcuni sostenitori del club. Il club tiene a sottolineare come questi personaggi non rappresentano i valori di tolleranza e rispetto tipici della nostra società e della nostra tifoseria”.