Il derby d’Italia più decisivo degli ultimi anni. Comunque vada…

L’attesa cresce, si fa il conto alla rovescia dei giorni e oramai delle ore che mancano al fischio d’inizio del derby d’Italia, una delle partite più importanti della stagione. Al Meazza è già stato raggiunto il record di incassi e ciò la dice lunga circa il valore del match.

Perisic - Fonte immagine: genoacfc.it
Perisic – Fonte immagine: genoacfc.it

Il big match di domani sera tra Inter e Juventus sarà fondamentale per entrambe. I nerazzurri di Spalletti per giocarsi fino all’ultima gara le chances di ritornare in Champions League e magari fare uno sgarbo storico ai rivali di una vita, la Juventus per non veder scucirsi dopo sei anni il tricolore dal Napoli di Sarri, spinto all’impresa da un’intera città. Sia per i nerazzurri che per i bianconeri non sarà contemplato alcun risultato che non sia la vittoria. Perché il raggiungimento dei rispettivi obiettivi non può non prescindere da tale partita. Per ricordare l’ultima volta che il derby d’Italia assumeva una rilevanza di tali proporzioni si deve praticamente tornare agli albori del nuovo millennio, ad almeno dieci anni fa, quando il mondo del pallone e non solo erano per certi versi differenti: non c’era la VAR né la gol line technology, l’Inter con Moratti, il Milan con Berlusconi e la Roma con la famiglia Sensi possedevano ancora un’anima tutta italiana, la Nazionale Italiana era tra le più forti e rispettate a livello planetario, i social non erano così influenti come oggi, alcuni neppure esistevano come Instagram o Whatsapp. Dopo circa un decennio, molte cose sono cambiate, ma non certo la rivalità tra due squadre, a maggior ragione adesso che finalmente i tre punti possono essere decisivi per tutti e due e non per una sola. Finalmente è tornato il derby d’Italia nel vero senso della parola e gli amanti del calcio vinceranno perché comunque vada sarà decisivo.