Italia-Liechtenstein 5-0, pagelle azzurre: buona prestazione di una squadra in “rodaggio”

Alla “Dacia Arena” di Udine, l’Italia di Giampiero Ventura, fa un passo avanti verso Russia 2018.

Fonte: Federico Berni

Un primo tempo di “rodaggio” con moltissimi errori e meccanismi tattici da affinare.

Un secondo tempo quasi impeccabile e giocato con maggiore razionalità, ed infatti sono venuti più gol.

Insigne, Belotti, Eder, Bernardeschi, Gabbiadini: è la nuova Italia che cresce.

Nove risultati utili consecutivi per il tecnico azzurro che prosegue nel suo cammino e nel rinnovamento della Nazionale.

PAGELLE ITALIA

BUFFON 6: fa una parata degna di questo nome e poco più dell’ordinaria amministrazione

DARMIAN 5: non ha giocato una partita sufficiente. Disorientato nell’azione di attacco sulla fascia, non supporta Candreva in maniera equilibrata. Nel secondo tempo si vede un po’ meno.

BARZAGLI 6: non ha dovuto fare interventi particolari, ha controllato la difesa con sicurezza e non ha quasi mai lasciato passare l’avversario che, comunque, non era particolarmente pericoloso.

CHIELLINI 5,5: la sua prestazione è un po’ goffa. Falloso come sempre, si sposta anche in attacco dove trova, talvolta, anche un tiro interessante.

SPINAZZOLA 6,5: fa un gran movimento sulla fascia, molto insidioso e determinato.

PELLEGRINI 6,5: non ha sbagliato nulla. C’è dove deve contrastare e far ripartire. C’è dietro l’azione di attacco. C’è nelle fasi difensive in sostegno ai difensori.

DE ROSSI 6: sulla corsa dell’avversario non ha molta condizione. Controlla e gestisce la manovra.

CANDREVA 5,5: serata non brillante per lui. Spesso si accentra troppo nella fase di attacco, in area; prova a calciare da fuori senza guardare ai compagni che si erano smarcati. Si nota come un po’ di stanchezza di fine stagione lo condizioni. La manovra di far partire il gioco sulla fascia destra, come vuole Ventura, non gli è riuscita, forse anche per la mancata buona intesa con Darmian  (dal 15′ s.t. BERNARDESCHI 6: segna il suo primo gol con la maglia della Nazionale. Stop, controllo e tiro molto ben eseguiti. Serve anche qualche palla interessante e mostra qualche movimento che può essere utile a Ventura per il proseguo)

BELOTTI 6: impegno, imprecisione, gol dei suoi e un po’si difficoltà nel creare spazi e fare i movimenti giusti, nel primo tempo. Sembra, a tratti, “sulle gambe” (dal 29′ s.t. GABBIADINI 6: il voto solo per il gol realizzato. Per la prestazione: s.v.)

INSIGNE 7: il migliore in campo. E’ bravo in fase di costruzione e in fase di rientro in copertura. Realizza un gran gol, prodezza, e crea molti palloni interessanti.

IMMOBILE 5,5: sbaglia moltissimo, arriva spesso in ritardo ma si batte con caparbietà. Nell’unico pallone servitogli su un piatto d’argento, coglie il palo. In una Nazionale che ha bisogno di gol e di precisione sotto porta, una prestazione come quella di stasera, da parte sua, non basta  (dal 22′ s.t. EDER 6: segna un bel gol, anzi 2, ma il primo era di pochissimo in fuorigioco. Fa movimento e cerca la porta. Buona prestazione)

Commissario Tecnico VENTURA 6,5: la sua Nazionale ha già dei numeri interessanti. Il gioco è “diesel”, stante nella prima fase della gara e poi decolla. Ovviamente deve misurarsi con avversari più impegnativi, anche e soprattutto, dal punto di vista tattico e dei movimenti di gioco.

ARBITRO Sig. CLANCY (SCO) 5: non risulta all’altezza della situazione. Fortunatamente non succede nulla di rilevante. Un rigore, almeno, negato all’Italia. Una gestione dei falli a centrocampo sconclusionata.