Juventus-Fiorentina 2-1, pagelle bianconere: buona la prima, i campioni non deludono

La prima giornata di Campionato 2016-2017 inizia bene per la Juventus campione d’Italia. Surclassata la Fiorentina pur segnando soltanto 2 reti.

Massimiliano Allegri Fonte: cagliaricalcio.net
Massimiliano Allegri (Fonte: cagliaricalcio.net)

Allegri schiera una squadra veloce e incisiva, determinata. Commessi tanti errori, specie sottoporta, ed in particolare nei primi 45 minuti di gioco. Si potrebbe dire che la Juve in avanti ha sbagliato tanto quanto la Fiorentina in difesa e a cantrocampo.

Negato un rigore netto, per un fallo di mano di Astori, nel primo tempo.

Esordio in campionato di Gonzalo Higuain, in maglia bianconera, e gol decisivo.

PAGELLE JUVENTUS

BUFFON 6: praticamente mai impegnato. Subisce un gol e un tiro difficile ma non fa altro

BARZAGLI 6: un po’ in affanno in certi momenti ma non ha mai lasciato spazi o procurato pericoli per Buffon. Ammonito.

BONUCCI 6,5: una vera diga. Non sbaglia praticamente nulla

CHIELLINI 6,5: gioca con la grinta e la determinazione di sempre. Macchinoso poche volte, stanco nella seconda parte della partita

ALEX SANDRO 6,5: una spina nel fianco della fascia destra fiorentina.

ASAMOAH 6,5: spinge, contrasta, riparte. A volte un poco insicuro ma tanto ci pensa il nulla del centrocampo viola a non metterlo in difficoltà.

LEMINA 5,5: deve maturare e non ha i numeri di chi sostituisce. Troppo evanescente in certe circostanze.

KHEDIRA 7: un giocatore che fa la differenza. Ha giocato per gran parte del primo tempo da attaccante puro con partenza dalla trequarti. (dal 42′ s.t. HERNANES: s.v.)

DANI ALVES 6,5: incisivo, forte nell’affondo e roccioso (e falloso) nei contrasti. Cala nella seconda metà della ripresa.

DYBALA 5,5: fa tanto movimento ma non è preciso nelle conclusioni e non incide come ci si aspetterebbe. (dal 38′ s.t. EVRA: s.v.)

MANDZUKIC 6: gioca, lotta, si muove, apre gli spazi. Tira ma è impreciso. Per la mole di gioco che ha fatto e che deve sostenere, un po’ di calo dopo 45 minuti può starci.  (dal 20′ Higuain 6,5: se non avesse messo dentro il pallone del 2-1 decisivo, sarebbe stata una passerella di allenamento e presentazione la sua. Invece segna e la Juve vince, ovvero fa quello per il quale è stato acquistato.)

Allenatore M. ALLEGRI 6: ha da lavorare molto per la fase conclusiva e per le dinamiche di attacco, troppo imprecise. Ha in mano una vera corazzata, “diesel”, migliorerà ancora molto.