Lazio-Cagliari 3-1, le pagelle dei biancocesti: Luis Alberto illuminante

La Lazio torna alla vittoria all’Olimpico contro il Cagliari grazie alle reti di Savic e Acerbi nel primo tempo e di capitan Lulic nella ripresa; Joao Pedro nel recupero firma dal dischetto il gol della bandiera per gli isolani. Queste le pagelle per i biancocelesti:

Lazio - Fonte: flickr.com Autore: MicdeF
Lazio – Fonte: flickr.com Autore: MicdeF

Strakosha 6: impegnato solo a risultato acquisito, risponde presente.

Luiz Felipe 5.5: unica nota stonata degli 11 titolari di Inzaghi, sbaglia un paio di disimpegni concedendo ai rossoblù l’opportunità di farsi vedere dalle parti di Strakosha; in un’occasione rimedia lui stesso all’errore commesso.

Acerbi 7: sembra essersi calato a pieno nella scena biancoceleste, continua sulla scia delle ultime due gare; si veste da trascinatore e suggella la prestazione con un gol in spaccata da attaccante consumato.

Radu 6: si riprende dalla nottataccia di Bergamo, anche se oggi ha vita facile; poco lucido quando si ritrova in fase offensiva. (dall’80’ Bastos 5: commette una sciocchezza regalando al Cagliari il rigore nel finale di partita, per sua fortuna non ha conseguenze).

Marusic 5.5: vedi sopra per quanto riguarda le difficoltà di giornata, rimane spesso fuori dal gioco.

Parolo 6: con la mancanza di Badelj e Leiva tocca a lui agire da diga davanti alla difesa, e il Cagliari raramente mette in difficoltà i biancocelesti; come sempre polmoni da vendere.

Milinkovic-Savic 7: segna, si sfoga in un pianto liberatorio e torna a giocare sui livelli dello scorso anno; si rivedono le giocate di ottimo livello compiute con la leggerezza  e l’eleganza che lo distinguevano. (dal 69’ Lucas Leiva 6: per lui è un gioco da ragazzi entrare quando la partita è già decisa, normale amministrazione).

Lulic 7: che la giornata sia una di quelle buone per il capitano biancoceleste lo si nota fin dal primo minuto, quando anticipa Faragò e conclude poco alto sulla traversa; bravo a chiudere i conti nel secondo tempo dopo una galoppata di 50 metri.

Correa 7: è mancato solo il gol al talentuoso numero 11 biancoceleste  ma è presente in tutte le azioni che portano la Lazio in rete, volontariamente o meno.

Luis Alberto 7.5: decide di fare il tuttocampista con una qualità da far sbarrare gli occhi agli amatori del bel calcio; quando lui è in campo il potenziale offensivo aumenta anche grazie alla capacità sulle palle da fermo. (dal 77’ Lukaku sv.)

Immobile 6.5: la traversa gli nega gol sul servizio di Savic, ma quantomeno riesce a regalarsi la gioia per l’assist che chiude il match; ingenuo a farsi ammonire nel finale di partita.