Lazio-Roma 2-0, le pagelle dei biancocelesti: Immobile ipoteca la finale?

La Lazio di Simone Inzaghi ha vinto per 2-0 contro la Roma il derby casalingo valido per la semifinale d’andata di Coppa Italia. La partita di ritorno si disputerà ad inizio aprile, il 4 o il 5, ma allo stato attuale dei fatti i biancocelesti sembrerebbero aver messo una seria ipoteca sulla finale dell’Olimpico, a meno di sorprese. Ecco di seguito le pagelle dei padroni di casa di stasera:

Lazio - Marco Parolo. Fonte: laziopolis.it
Lazio – Marco Parolo. Fonte: laziopolis.it
Strakosha 7: impegnato seriamente in una sola occasione ricorre a tutto il suo istinto per tenere il risultato sul 2-0;
Basta 6,5: parte soffrendo gli inserimenti di Emerson. Poi alla lunga prende le misure e non sbaglia praticamente più nulla;
De Vrij 7: anche lui all’inizio sembra soffrire lo schieramento a tre concedendo qualcosa in più del dovuto a Dzeko. La sua classe viene comunque fuori con prepotenza presto;
Bastos 7: roccioso e concreto nonostante qualche rinvio un po’ così;
Wallace 7,5: semplicemente impeccabile nonostante debba vedersela con Salah;
Lukaku 7: sulla carta è quello che dovrebbe trovare maggiori difficoltà. Gioca invece in scioltezza annullando Bruno Peres e rivelandosi una vera spina nel fianco per la retroguardia giallorossa;
Biglia 7,5: una partita sontuosa;
Parolo 7,5: il suo moto perpetuo a centrocampo per recuperare palloni annichilisce la mediana giallorossa. Sapiente anche la gestione della partita dopo il giallo rimediato nel primo tempo;
Milinkovic-Savic 8: in assoluto il migliore in campo della Lazio. Oltre al gol una prestazione da vero fuoriclasse;
Felipe Anderson 7: si accende a sprazzi ma da una accelerazione delle sue nasce il gol del vantaggio biancoceleste;
Immobile 7: tanto movimento, pressing ed un gol veramente prezioso in vista del ritorno;
Keita 7: sembra entrare molle in partita ma la sua accelerazione da cui nasce il gol del raddoppio era la ragione del suo ingresso in campo;
Crecco 6,5: rileva un Lukaku sfinito e non si lascia assolutamente intimidire da Perotti;
Murgia s.v.