Milan-Crotone 2-1, le pagelle dei rossoneri: carica Lapadula, malissimo Niang e Sosa

Allo stadio San Siro di Milano, i rossoneri passano di misura sul Crotone dopo aver sudato le proverbiali “sette camicie”. Nel 2-1 finale a segno Falcinelli, Pasalic e Lapadula. Di seguito le pagelle rossonere:

M'Baye Niang. Fonte: Lorenzo Pintus
M’Baye Niang. Fonte: Lorenzo Pintus

Donnarumma 6: il Crotone non lo impensierisce quasi mai, lui svolge il compitino senza intoppi. Nulla può sul gol.

Abate 6: in attacco sbaglia qualcosina, difensivamente se la cava su Stoian.

Paletta 6: non sbaglia nulla anche se Falcinelli, gol a parte, non crea particolari grattacapi.

Romagnoli 6: bene, ma non benissimo, su Trotta, che si sbatte su tutto il fronte d’attacco.

De Sciglio 5: la quantità di palloni buttati al vento è davvero eccessiva, specialmente per i compiti prevalentemente d’attacco oggi affidatigli da Montella.

Locatelli 5: probabilmente la peggiore prestazione del giovanissimo numero 73 da mesi a questa parte. In fase di uscita si dimostra eccessivamente lento, perdendo palloni mortiferi.

Sosa 4,5: sbaglia praticamente tutto ciò che c’è da sbagliare. Esce tra i fischi, meritatissimi, di San Siro (dal 73’ Luiz Adriano 5,5: ci si aspetterebbe più grinta dall’ormai terzo attaccante in rosa)

Pasalic 6,5: segna il gol del pareggio, gioca discretamente bene la palla, e si fa trovare sempre pronto e disponibile sulle linee di passaggio dei compagni.

Niang 4: come Sosa, è assolutamente in giornata no. In aggiunta, rispetto all’argentino, fallisce il rigore del possibile 2-1 a cui aggiunge un atteggiamento indisponente per tutta la partita (dall’81’ Honda 6: fare peggio di Niang era francamente difficile).

Lapadula 6,5: eroe di giornata, sta diventando un insostituibile del Milan di Montella. Oggi meno presente nella manovra, anche per merito del Crotone, fallisce un paio di buone occasioni prima di avventarsi sul pallone dl 2-1 facendo esplodere lo stadio (dall’89’ Kucka sv)

Suso 6: meno appariscente rispetto alle ultime uscite, sbaglia pochi palloni e prova ad accende la luce davanti senza successo.