Milan-Pescara 1-0, le pagelle degli abruzzesi: grande prova, Oddo non sfigura

San Siro ha vinto il Milan. 

Fonte: Giorgio Catani
Fonte: Giorgio Catani

1-0 il risultato finale di una gara in cui il Pescara non merita di uscire sconfitto. Prestazione piú che sufficiente per gli uomini di Oddo che davanti al suo ex pubblico non ha sfigurato affatto. Ecco di seguito le pagelle degli abruzzesi.

Bizzarri 6: buoni interventi di ordinaria amministrazione. I suoi compagni non lo aiutano in occasione del gol.

Zampano 7: galoppa indisturbato sulla sua fascia. Attacca, ma difende anche molto bene. È uno dei migliori.

Coda 6: ordinato negli interventi, non ha grossi problemi. (Dal 73′ Biraghi 6: doveva partire titolare. Ha dato il suo contributo nell’assalto finale).

Fornasier 6: come il suo compagno di reparto, si muove bene. I rossoneri si rendono più preicolosi sugli esterni e non ha grosse difficoltà.

Crescenzi 6,5: schierato a sorpresa, non delude le aspettative. Difende di piú rispetto a Zampano, ma ha dato prova a Oddo di poter contare su di lui.

Memushaj 6,5: impegna seriamente Donnarumma con due belle conclusioni. Per il resto prova più che sufficiente.

Brugman 6,5: partita di sostanza e perno di centrocampo. Fa da diga per le ripartenze, limitato con gli interventi nel finale per il giallo rimediato.

Aquilani 6,5: davanti al suo ex pubblico non sfigura. Partecipa alla manovra e conduce il gioco offensivo. Costretto ad uscire in barella per uno scontro con il suo compagno Memushaj. (Dal 56′ Cristante 6,5: entra bene in partita. Anche lui un altro ex della gara, fa intravedere qualche colpo interessante).

Benali 7: una mina vagante per la difesa rossonera. Difficile da contenere in certe occasioni, corre senza tregua fino al 97′. Grande rete, ma il fuorigioco c’è anche se di poco.

Mitrita 6: gioca per Caprari e non solo. Non dà punti di riferimento e spazia su tutto il fronte offensivo. (Dal 76′ Manaj 6: entra e segna, peccato per il fuorigioco).

Caprari 6,5: la squadra gioca per lui e prova a sfruttare al meglio i palloni che gli arrivano. Va in aiuto spesso al centrocampo per provare a ripartire nei momenti più difficili.

All. Oddo 7: il migliore in campo é lui. Arriva a San Siro da quasi sconfitto, ma schiera in campo una squadra anima-cuore e di grande intelligenza. Questo Pescara non meritava la sconfitta e lui potrà essere fiero di quanto ha visto.