Napoli, Giaccherini ai saluti: al suo posto si pensa a Rashica e Zeneli

Il Napoli inizia a muoversi sul mercato come anche le rivali: dopo aver rinforzato la difesa, si cambia qualcosa in attacco. A dire addio alla maglia partenopea è Giaccherini, richiesto all’estero dallo Sparta Praga allenato dalla vecchia conoscenza Stramaccioni. L’ex tecnico dell’Inter è alla ricerca di un laterale d’attacco che possa dargli un apporto importante per esperienza e qualità e con Sarri, il nazionale azzurro ha sempre trovato pochissimo spazio. Per sostituirlo si è pensato immediatamente a Rashica e Zeneli due giovani ali che stanno giocando in Eredivisie, entrambe di etnia kosovara.

NAPOLI: RASHICA E ZENELI SONO I PROFILI GIUSTI?

Lo Sparta Praga è vicinissimo all’acquisto di Giaccherini e tutto dovrebbe ufficializzarsi nella giornata di martedì prossimo. Il ragazzo, impiegato pochissimo da Sarri, vuole trovare continuità e mettersi in mostra con il Mondiale russo alle porte. In Repubblica Ceca ritroverà una vecchia conoscenza italiana, l’ex Inter e Panathinaikos Andrea Stamaccioni. Il club ha offerto al nazionale azzurro un triennale che non è stato rifiutato dall’esterno. Con la maglia partenopea ha disputato solo 16 gare in Serie A partendo per la maggior parte delle volte dalla panchina e siglando solamente un centro. I gol con il Napoli diventano due se si va ad aggiungere anche la realizzazione nell’unico match in Coppa Italia. Un addio fin troppo scontato e che sarà sicuramente dimenticato presto.

Per il sostituto si sono aperti diversi scenari: il vero sogno resta Zinchenko del Manchester City, ma per il ragazzo si chiede una cifra abbastanza elevata e la trattativa non è delle più facili. Meglio portare in Italia uno tra Rashica e Zeneli, entrambi militanti in Eredivisie. Il campionato olandese ha sempre regalato talenti a prezzi modici e l’ultimo acquisto nei Paesi Bassi si è rivelato veramente eccezionale: parliamo proprio di Mertens. Rashica e Zeneli sono molto simili e sarebbero perfetti per il gioco del Napoli che tende a giocare molto sulle fasce con ragazzi dotati di ottima tecnica per il palleggio. In entrambi i casi, i due giovani (classe 96′ il primo e 95′ il secondo) hanno tutte le carte il regola per ricoprire al pieno quel ruolo. Rashica, kosovaro del Vitesse, è stato pagato solamente 300mila euro dal club di Arnhem e ha disputato, nella massima divisione olandese, 34 partite con 8 gol all’attivo. Dotato di una grande corsa, preferisce giungere sul fondo per servire il compagno di riferimento al centro dell’area. Bravo nell’uno contro uno, cerca spesso di liberarsi per tentare il tiro al limite dell’area: in Italia potrebbe essere una bella spina nel fianco per qualunque difesa. Per Zeneli il discorso è simile anche se il kosovaro, cresciuto in Svezia, può ricoprire anche il ruolo di laterale di centrocampo. Anche in questo caso parliamo di un ragazzo con tanta corsa e bravo nel dribbling. A differenza di Rashica tenta di rientrare per tentare la conclusione personale, ma non disdegna l’assist per un compagni, anche se molto raramente. Eccezionale nel movimento senza palla, cerca sempre di dare una soluzione alternativa a chi imposta l’azione. Con l’Heerenveen ha disputato 51 match gonfiando la rete in 10 occasioni.

Il Napoli ora è a un bivio: chi scegliere tra i due? Una cosa è sicura: in entrambi i casi la somma da sborsare non sarà stratosferica.