Napoli, il Pagellone 2016/2017: Mertens vero nove, Callejon instancabile

Buona stagione per il Napoli di Maurizio Sarri che conquista il terzo posto in classifica accedendo in tal modo ai preliminari di Champions League. Ammirevole il gioco espresso dai partenopei, capaci di conservare il possesso palla e giocare prevalentemente nella metà campo avversaria.

Fonte: Foto Calcio Napoli – Danilo Rossetti (Facebook)

PORTIERI:
Reina 6.5: il portiere azzurro ha nelle sue principali qualità sicuramente il carisma ed anche quest’anno dimostra di essere un vero uomo spogliatoio. In campo diversi alti e bassi, con qualche amnesia da un lato e la strepitosa parata all’Olimpico che permette al Napoli di battere la Roma dall’altro. Qualche screzio degli ultimi giorni con il presidente De Laurentiis fanno pensare ad un Reina lontano da Napoli la prossima stagione.  LEADER.
Rafael e Sepe SV: rispettivamente il secondo ed il terzo portiere del Napoli, hanno pochissimo spazio per mettersi in mostra. Impossibile valutarli a dovere.

Fonte: Pagina Facebook “Foto Calcio Napoli – Danilo Rossetti”
DIFENSORI:
Hysaj 6.5: tantissima corsa per il giovane terzino fedelissimo di Sarri. E’ migliorato rispetto agli anni scorsi in fase offensiva. Quando si tratta di difendere ha ancora qualche difficoltà, ma ha tutto il tempo per migliorare. IN CRESCITA.
Albiol 7: la solidità del reparto difensivo è legata alla presenza in campo del centrale spagnolo, vero uomo chiave della difesa azzurra. Quando, complice un infortunio, deve star lontano dal campo la differenza si nota. INDISPENSABILE.
Koulibaly 7:
insieme al compagno di reparto forma una buona coppia difensiva. Anche lui a causa della coppa d’Africa gioca meno partite, ma torna subito al top al rientro non subendo le scorie della competizione che spesso logora i talenti africani. Anche K2 a tratti ha delle amnesie, ma anche tutte le qualità per migliorare. ROCCIOSO.
Ghoulam 6.5: discorso simile a Koulibaly per l’algerino che mette in mostra notevoli qualità anche se a tratti dimostra di aver bisogno di rifiatare. ALTALENANTE.
Chiriches 6: Sarri quest’anno gli concede più spazio ed il difensore lo ripaga con prestazioni sufficienti. BUONA SECONDA LINEA.
Maksimovic 5.5: l’investimento importante lo blocca e non gli permette di esprimersi al meglio. Non riesce ad integrarsi bene in squadra. SPAESATO.
Maggio 6: quando chiamato in causa si fa sempre trovare pronto. L’età non è della sua parte, ma il grande spirito di abnegazione è una qualità che gli permette di dar sempre il massimo. PROFESSIONISTA VERO.
Strinic 6.5: 
discreto minutaggio anche per il numero 3 azzurro. Dà riposo a Ghoulam quando quest’ultimo è in debito d’ossigeno. COMPRIMARIO.
Tonelli SV: infortuni e assenza prolungata dal campo non ci consentono di valutarlo a dovere. Impossibile però non menzionare il goal vittoria con la Samp che lo ha fatto entrare nel cuore dei tifosi.

Hamsik - Fonte: Pagina Facebook "Foto Calcio Napoli - Danilo Rossetti"
Hamsik – Fonte: Pagina Facebook “Foto Calcio Napoli – Danilo Rossetti”

 

CENTROCAMPISTI:
Allan 6: il dualismo con Zielinski fa rendere di meno il centrocampista del Napoli. Buono comunque il bottino delle presenze anche se l’apporto in zona goal (qualità che lo ha distinto dagli altri negli ultimi anni) è mancato. SI PUO’ FARE DI PIU’
Jorginho 6.5: rinato con Sarri riesce a migliorarsi partita dopo partita. Preciso nei passaggi in orizzontale, a tratti rallenta il gioco. METRONOMO.
Hamsik 7.5:
goal, assist, grandi giocate. Il capitano del Napoli va anche quest’anno in doppia cifra in termini di goal. Le sue qualità sono indiscutibili, deve migliorare prendendosi la scena ed osando anche in partite decisive come quella con il Real dove è apparso opaco. ESSENZIALE.
Diawara 7: grande personalità per il giovane centrocampista che è un mix tra quantità e qualità. SENZA PAURA.
Zielinski 8: sorpresa lietissima in casa Napoli. Il suo acquisto regala alla squadra un calciatore spettacolare. MAGNIFICO.
Valdifiori 4.5: parabola discendente per Mirko, mai decisivo. Metà stagione e poi via a Torino. FLOP.
Giaccherini 5.5: dopo un Europeo da grande giocatore approda al Napoli, dove non trova lo spazio che evidentemente si aspettava. DELUSO.
Rog 7: Sarri lo dosa a dovere, ma le sue qualità emergono e si notano già dopo pochi minuti. Per un giocatore che non ha collezionato nemmeno 20 presenze sono però troppe 5 ammonizioni. ESPLOSIVO.
El Kaddouri 5: poche presenze e poi destinazione Empoli dove trova continuità, gli ha fatto bene cambiare aria. DI TROPPO.

Fonte: Foto Calcio Napoli – Danilo Rossetti (Fanpage Facebook)

 

ATTACCANTI:
Callejon 8.5:
la corsia destra funziona a meraviglia grazie soprattutto alla sua dedizione ed al suo sacrificio. Segna e fa segnare. UOMO OVUNQUE.
Gabbiadini 5: aspettative altissime, dopo la partenza di Higuain si gioca il posto con Milik ed all’inizio appare anche in vantaggio. Fallisce occasioni su occasioni, complice anche il feeling scarso con l’allenatore. In Inghilterra rinasce e fa capire che era l’uomo giusto nel posto sbagliato. INCOMPRESO.
Insigne 8.5: il dualismo con Mertens degli anni scorsi non aveva giovato ad entrambi. Adesso è il padrone della fascia sinistra e si esprime al meglio. Spettacolare il goal al Santiago Bernabeu. LORENZINHO.
Mertens 9: il voto è ovviamente anche il riassunto della stagione del folletto belga. Viene dirottato al centro dopo l’infortunio di Milik e diventa letale. Segna tantissimi goal e si trasforma in un attaccante di razza. Il rinnovo di contratto rende felice tutti i tifosi del Napoli. BOMBER.
Milik 6.5: si rende subito protagonista con goal decisivi e grande fisicità. L’infortunio lo tiene fuori per gran parte della stagione non consentendogli ovviamente di esprimersi al meglio. SFORTUNATO.
Pavoletti 5: il suo acquisto fa ancora discutere. Voluto fortemente dalla società, Sarri non sembra apprezzarlo a dovere. CONFUSO.

Maurizio Sarri (Fonte: Facebook “Foto Calcio Napoli – Danilo Rossetti”)


ALLENATORE:
Sarri 8.5:
è l’artefice del gioco spettacolare del Napoli. Fitta rete di passaggi, verticalizzazioni e goal a valanga. Peccato per alcuni punti persi a sorpresa complice forse un calo d’attenzione. Trasforma Mertens in un bomber implacabile ed inserisce in maniera graduata i nuovi acquisti. STRATEGA.

SOCIETA’:
De Laurentiis 6.5: grandissimo imprenditore. Guadagna il massimo possibile con le cessioni e costruisce una rosa lunga e competitiva. Alcuni acquisti sono, al momento, dei flop ma quest’estate si preannuncia importante e tutti aspettano di vedere come il presidente del Napoli migliorerà una squadra apparsa quasi al top. Diverse dichiarazioni, soprattutto quella post Real Madrid-Napoli, non hanno aiutato l’ambiente, ma da grande uomo di cinema il patron azzurro cerca sempre il colpo ad effetto, qualche volta esagerando.