Playoff Champions League completi: ecco le qualificate

Dopo la giornata di ieri si è completato con le gare di questa sera il quadro delle qualificate alla Champions League 2017/2018. A Napoli, Celitc, Siviglia, Maribor e Olympiacos si aggiungono Liverpool, Sporting, Apoel, CSKA e Qarabag. Ma andiamo con ordine.

Scenografia Champions League
Fonte immagine: Kieran Lynam dal Dublin, Ireland

Il CSKA raggiunge lo Spartak Mosca regalando alla Russia due squadre nella fase a gironi. Shchennikov e Dzagoev siglano le reti del 2-0 sullo Young Boys che, sommato all’1-0 già guadagnato a Berna, vuol dire eliminazione per gli svizzeri. Lo Sporting Lisbona si qualifica travolgendo a domicilio la Steaua per 1-5. Dopo lo 0-0 dell’andata i lusitani si portano in vantaggio con una vecchia conoscenza del calcio italiano, l’ex romanista Doumbia. La Steaua agguanta il pari momentaneo con Junior Morais ma al 60′ è Acuna a riportare avanti i biancoverdi di Lisbona. La manita è poi servita grazie alle marcature di Gelson Martins, Dost e Battaglia.

Questa serata di playoff regala anche la prima qualificazione nella storia di una squadra dell’Azerbaigian. Si tratta del Qarabag che in Danimarca regge il confronto con il Copenaghen e pur perdendo per 2-1 si qualifica alla fase a gironi grazie all’1-0 maturato all’andata. I padroni di casa trovano la rete che apre le danze con Santander bravo a sfruttare un’indecisione di Sehic ma gli ospiti agguantano il pari grazie Ndlovu. La rete di Pavlovic illude il Copenaghen. Ma al novantesimo il risultato non cambia ed il Qarabag ad entrare nella storia.

Normale amministrazione invece per il Liverpool che pur dovendo affrontare l’ostico Hoffenheim si qualifica battendo nettamente i tedeschi ad Anfield per 4-2. Al 21′ i Reds sono già avanti 3-0 grazie alle reti di Emre Can (doppietta) e Salah. Gli ospiti accorciano le distanze con Uth ma è Firmino a ristabilire nella ripresa le distanze. Il gol al 79′ di Wanger serve solo a rendere un po’ meno amara la sconfitta per la squadra di Nagelsmann.

L’Apoel Nicosia, infine, si qualifica reggendo l’urto dello Slavia Praga che dovendo rimontare il doppio svantaggio dell’andata parte a testa bassa collezionando occasioni a raffica con occasioni con Danny e Van Buren. I ciprioti però, passata la bufera iniziale, riescono a riorganizzarsi ed uscire indenni dalla trasferta raggiungendo così la prestigiosa qualificazione.

Domani, alle ore 18, i sorteggi dei gironi a Montecarlo.