Qualificazioni Russia 2018: si ferma l’Argentina, bene Uruguay e Brasile.

Risultati sorprendenti, ma al tempo stesso importanti quelli che arrivano dal Sud America, dove si è giocata l’ottava giornata del girone di qualificazione al mondiale di Russia 2018.

L'Uruguay ai Mondiali 2014. Fonte: Jimmy Baikovicius (flickr.com)
L’Uruguay ai Mondiali 2014. Fonte: Jimmy  Baikovicius (flickr.com)

Dopo la sofferta vittoria con l’Uruguay l’Argentina di Bauza non va oltre il 2-2 contro il Venezuela. A Merìda, l’ Albiceleste,senza l’acciaccato Messi e lo squalificato Dybala va sotto di due gol ( Juanpi e Martinez ), ma nel finale, dopo aver accorciato con Pratto, trova il pari in mischia con Otamendi. Ne approfitta dunque l’ Uruguay che trascinato dai soliti Cavani e Suarez liquida con un netto 4-0 il Paraguay, portandosi in testa al girone. Tiene il passo il Brasile che a Manaus supera la Colombia per 2-1 in un match dove fanno tutto i padroni di casa. Decide Neymar dopo l’ autogol di Marquinhos e l’ iniziale vantaggio di Miranda.

Male il Cile di Pizzi che dopo la sconfitta di cinque giorni fa in Paraguay non va oltre lo 0-0 contro la Bolivia, chiudendo tra i fischi del pubblico di Santiago. In coda al gruppo, vittoria fondamentale per il Perù che apre di fatto alla crisi dell’Ecuador, ormai a secco di punti da tre partite.

Questi i risultati dell’ ottavo turno:

Venezuela – Argentina 2-2

Brasile – Colombia 2-1

Uruguay – Paraguay 4-0

Cile – Bolivia 0-0

Perù – Ecuador 2-1

Classifica:

Uruguay 16 ,  Argentina,Brasile 15,  Colombia, Ecuador 13 ,  Paraguay 12 ,  Cile 11 ,  Bolivia, Perù 7 ,  Venezuela 2 .