Roma-Chievo 4-1, le pagelle giallorosse: Dzeko da doppietta, Alisson muro

La Roma vince con un risultato che farebbe felici i tifosi nella gara di mercoledì con il Liverpool. Una doppietta di Dzeko, un doppio assist di Nainggolan e un super Alisson regalano i 3 punti a Di Francesco per la corsa alla prossima Champions.

Dzeko - Roma
Dzeko – Fonte immagine: sassuolocalcio.it

ROMA, LE PAGELLE DEI GIALLOROSSI:

Alisson 7.5: il portiere brasiliano tiene a galla la Roma all’ora di gioco. J. Jesus commette un’ingenuità che viene punita con il calcio di rigore. Alisson ipnotizza Inglese e consolida il 2-0 che puoi si trasforma in 4-1 finale. Incolpevole sul gol degli ospiti firmato proprio dall’attaccante al quale ha negato la gioia della rete dagli 11 metri. Un vero baluardo difficile da superare.

Peres 6.5: partita tranquilla per il terzino che soffre pochissimo in difesa e spinge moderatamente in avanti. Viene chiamato poco in causa e esce con una sufficienza piena, non sfigurando e svolgendo il compitino.

J. Jesus 4.5: dopo un primo tempo sufficiente, cade nelle solite ingenuità regalando un rigore al Chievo. Gli ospiti sprecano l’occasione di tornare in partita con Inglese che si fa ipnotizzare da Alisson. La Roma resta in 10 per l’ultima mezz’ora di gioco.

Fazio 6.5: serata tranquilla anche per l’argentino che sfiora il gol con un colpo di testa che si infrange sul palo. Il centrale non soffre la pressione d’Inglese e si muove con autorità all’interno dell’area di rigore. La testa ora passa al Liverpool dove servirà una prestazione super per poter ribaltare l’andata.

Kolarov 6.5: molto più attivo di Peres, soprattutto nel primo tempo, dove la Roma inizia la manovra proprio dalla sua fascia. Essenziale in fase di spinta, meno brillante in quella difensiva. Piccole amnesie in ripiegamento, ma gli ospiti non approfittano mai delle sue mancanze. Chiude in crescendo, lasciando spazio all’esperienza e risparmiando il fiato per il mercoledì di Champions.

De Rossi 6.5: rispetto alla gara con gli inglesi, il capitano dei giallorossi è più presente e sicuro. Non viene mai pressato nel giusto modo e gode di troppa libertà per impostare. Con lo spazio e il tempo a disposizione mette in mostra tutta la sua esperienza giocando in punta di piedi. Non rischia mai nulla e si rivela essenziale in fase difensiva come 3° centrale aggiunto.

Nainggolan 7: il belga corre e combatte come ad inizio stagione e riesce a servire anche 2 assist vincenti che permettono alla Roma di vincere nonostante l’inferiorità numerica. Ingenua l’ammonizione che gli viene affibbiata poco prima del triplice fischio, ma l’arbitro non può far nulla contro le proteste veementi del ragazzo.

Pellegrini 6.5: altra partita positiva per il centrocampista della Roma che mette in campo tutta la grinta possibile. Perfetto con i suoi inserimenti tra le linee è difficile da marcare per tutta la retroguardia del Chievo. Prezioso in interdizione e ripartenza, assicura a Di Francesco la giusta quantità sulla linea mediana. (dal 78′ Gonalons 5.5: nei pochi minuti giocati non sbaglia nulla, ma si fa anticipare da Inglese che, di testa, sigla il gol della bandiera).

El Shaarawy 7: sfortunato ma molto positivo l’italoegiziano che svaria su entrambi le fasce d’attacco. Nel primo tempo, colpisce a giro il palo prolungano la sua astinenza dal gol che stava diventando una maledizione. Nella ripresa, nel momento più difficile, riesce a siglare il 3-0 pochi istanti dopo il rigore sbagliato da Inglese. Fino alla fine corre e combatte, facendo capire a Di Francesco di essere una valida alternativa da tenere in considerazione mercoledì.

Schick 6.5: l’attaccante scrive nuovamente il suo nome sul taccuino dei marcatori, sbloccando un match insidioso. Dopo l’acuto iniziale, secondo centro consecutivo in stagione, scompare con il passare dei minuti, anche se è da sottolineare il suo apporto difensivo. Nella ripresa lascia il posto a Manolas a causa dell’espulsione di J. Jesus. (dal 60′ Manolas 6: entra per sostituire J. Jesus ma vive un finale di partita estremamente tranquillo. Non rischia nulla non intervenendo mai nei pochi minuti disputati).

Dzeko 7.5: la punta bosniaca riesce a superare Sorrentino in due occasioni dimostrando di essere letale sotto porta. Tanti gli errori in fase di passaggio o d’impotazione, ma quando è chiamato a trascinare la squadra risponde presente. Sigla il 2-0 e il 4-0 che mette al sicuro il risultato con la Roma in 10. Di Francesco lo toglie a pochi minuti dal triplice fischio per preservarlo in vista del match di Champions. (dall’83’ Gerson 6: gioca pochissimo ma il suo atteggiamento combattivo gli permette di recuperare due palloni importantissimi. Autore dell’ammonizione di Birsa proprio nel recupero).

Di Francesco 7: la sua Roma manda un chiaro segnale al Liverpool facendo capire che la gara all’Olimpico non sarà una passeggiata. Dopo un primo tempo con un 2-0 che va stretto ai suoi ragazzi, rischia di collassare nel secondo con l’espulsione di J. Jesus. Alisson compie il miracolo e i giallorossi dilagano in 10 non sentendo il deficit dell’uomo in meno. Una piccola disattenzione regala il 4-1 al Chievo, ma una sbavatura si può concedere ad una Roma che non abbandona il treno per la Champions del prossimo anno, in attesa del big match tra Juventus e Inter.