Roma-Inter 1-3, le pagelle dei neroazzurri: mentre Icardi è una certezza, Gagliardini è in ombra

Seconda vittoria per l’Inter di Spalletti che, in rimonta, vince 3-1 contro la Roma, con il solito Icardi, altra doppietta, e il primo gol di Vecino.

Icardi – Fonte: inter.it

Handanovic 6,5: lo sloveno è sempre attento e sempre presente, ogni volta che lo chiamano in causa non sbaglia, ennesima partita più che sufficiente.

D’Ambrosio 5,5: Perotti lo mette spesso in difficoltà, non è una partita ricca di errori però può e deve fare di più, soprattutto nella tenuta, bene in fase offensiva invece.

Skriniar 6: passo indietro rispetto al match contro la Fiore ma il secondo tempo cresce molto e gioca meglio, la sufficienza è tirata ma meritata per come è andata la partita, l’errore sul primo gol però è da evitare.

Miranda 6: sufficiente anche il brasiliano, anche lui migliora con i minuti, compie qualche leggerezza, ma porta a casa comunque il sei.

Nagatomo 6: spinge poco ma tiene per tutti i minuti che resta in campo, la sufficienza è per quello, perché riesce sempre a tenere i diretti avversari, spinge però poco. (56’ Dalbert 6)

Borja Valero 6: sufficiente ma non di più, si vede meglio quando anche i compagni giocano meglio, a volte si perde un po’ e finisce per isolarsi, sa essere un perno e lo deve diventare.

Vecino 6,5: primo gol con la maglia dell’Inter per l’argentino che oggi è cresciuto, corsa e sostanza in mezzo al campo, palloni recuperati e grinta che offrono margini di miglioramento.

Gagliardini 5,5: oggi l’italiano è molto sotto tono, sopratutto se lo confrontiamo con chi ha preso il suo posto, distratto e poco preciso, si perde in mezzo al campo, e non aiuta come sa. (46’ Joao Mario 6,5)

Candreva 6,5:  assist man l’esterno italiano che anche se a volte si perde un po’ troppo con il pallone ma quando riesce a giocare in velocità dimostra di essere importante. (79’ Cancelo 6)

Perisic 6,5: ancora una volta offre l’assist a Icardi, quando il croato mette ci mette la testa, offre buone cose, oggi è costante e sempre sul pezzo.

Icardi 7,5: è ancora lui il migliore in campo, dopo un primo tempo opaco, nel secondo trascina i suoi alla vittoria e segna l’ennesima doppietta, solito cecchino.

Spalletti 7: la sua mano si vede, soprattutto sulla tenuta mentale della squadra, più che su quella di gioco, perché ancora i suoi devono migliorare, ma c’è da sorridere.