Serie A: emozioni e reti al Mapei Stadium, il Sassuolo supera 2-1 il Pescara

Nella domenica sera della seconda giornata di Serie A è la sfida tra Sassuolo e Pescara quella ad attrarre di più a livello tecnico. Al Mapei Stadium si affrontano due squadre abituate a fare il loro gioco indipendentemente dall’avversario che si trovano davanti: premessa ad una partita più che esaltante. Di Francesco schiera i neroverdi con il suo classico 4-3-3, dove Berardi, Defrel e Politano sono i terminali offensivi; modulo ad albero di Natale per Oddo, costretto a schierare l’esterno Caprari da prima punta, supportato da Verre e Benali.

Gregoire Defrel. Fonte: gianlucadimarzio.com
Gregoire Defrel. Fonte: gianlucadimarzio.com

L’incontro parte subito forte, con gli ospiti che al 2′ per poco non sfruttano con Caprari un errore in copertura di Acerbi: l’esterno degli abruzzesi incrocia ma trova la deviazione in angolo di Consigli. Risposta immediata di Duncan con l’azione successiva, ma il suo tiro dai 25 metri non impensierisce Bizzarri. La partita continua ad alti ritmi e al 10′ è ancora Caprari a fare venire i brividi ai tifosi del Sassuolo, dopo il suo diagonale che finisce di pochissimo a lato. E’ il Pescara a fare la partita offensiva, confermata dalla botta di Brugman al 18′, bloccata da Consigli. Acerbi è il primo ammonito della gara, con l’arbitro che gli mostra il cartellino giallo al 25′ per un intervento su Caprari. Continua il dominio biancoazzurro e Brugman ci prova ancora al 32′ su una respinta della difesa dei padroni di casa: il tiro incrociato finisce a lato. Il Sassuolo decide di spingere anche lui sull’acceleratore e le conseguenze si sentono subito: tentativo di accentramento di Berardi al 35′ e Brugman è costretto a fermarlo irregolarmente, prendendosi un’ammonizione. E’ lo stesso attaccante italiano a battere il calcio piazzato dai 20 metri: palla a lato. Due minuti e gli emiliani non perdonano con una conclusione potente di Defrel servito da Duncan: è il 1-0 per il Sassuolo. Il Pescara risponde al colpo subito e va vicino alla rete al 41′ con una ‘serpentina dalla destra di Benali disinnescata da Acerbi. Le squadre si allungano sempre più ma è il doppio fischio dell’arbitro a terminare le ostilità, senza minuti di recupero per la prima frazione di gioco.

Pescara dominante nella prima mezzora, tanto nel gioco quanto nelle azioni da rete: con più precisione sarebbero stati i delfini ad andare in vantaggio. La reazione del Sassuolo è da sottolineare: se all’inizio sembravano soffrire, i neroverdi sono stati in grado di reagire al momento opportuno e di lasciare il segno. Partita spumeggiante.

Domenico Berardi. Fonte: sassuolocalcio.it
Domenico Berardi. Fonte: sassuolocalcio.it

L’incontro riprende senza sostituzioni e con il Sassuolo che vuole imporsi con una forte spinta offensiva. Il primo vero pericolo arriva al 53′ con un tiro violento dai 20 metri di Berardi che finisce di pochissimo sopra la traversa. Al 57′ azione insistita di Biraghi dalla sinistra che, grazie ad un rimpallo, riesce ad andare al tiro ravvicinato: Consigli respinge corto e la difesa del Sassuolo spazza via. Prima sostituzione per le due formazioni: nel Sassuolo Ragusa fa il suo debutto in neroverde rilevando il posto di Politano, per il Pescara Benali lascia il campo e al suo posto subentra Bahebeck. Al 67′ gli emiliani concretizzano il dominio nel secondo tempo con la rete del doppio vantaggio: è Berardi a siglarla, con un mancino di controbalzo dal limite imprendibile per Bizzarri. Campagnaro si prende il secondo cartellino giallo tra i delfini, dovuto ad un brutto intervento su Ragusa. Al 70′ gran tiro di Bahebeck dal limite che prova a lasciare il segno al suo debutto in Serie A: diagonale a lato. Altra sostituzione in contemporanea per le due formazioni: il Sassuolo richiama in panchina un Defrel in preda ai crampi ed inserisce Matri; Manaj scende in campo per i biancoazzurri, sostituendo Memushaj per un Pescara offensivo a caccia della rete. Gli ospiti tolgono anche Brugman ed inseriscono Mitrita. Sono i due neo entrati a confezionare la rete del 2-1 al 80′: il romeno irrompe dalla sinistra e serve sul secondo palo l’albanese che da due passi fa goal. Un minuto dopo Manaj potrebbe completare la rimonta, ma nel contropiede che lo vede solo contro Consigli si allunga troppo il pallone e l’azione sfuma. La quarta partita in undici giorni del Sassuolo si fa sentire anche per Berardi, colto anche lui da problemi muscolari. Di Francesco decide di non rischiare e tira fuori la punta, inserendo così Antei in campo. I padroni di casa potrebbero chiudere la partita al 85′ con Matri lanciato a rete da Duncan, ma il guardialinee alza la bandierina e chiama il fuorigioco. Tre minuti dopo è lo stesso centrocampista ghanese a poter portare il risultato sul 3-1, ma Bizzarri esce in tempo e ferma tutto. Nel primo dei 5 minuti di recupero il Pescara torna a farsi sotto con un azione elaborata che porta Zampano a tirare dal limite e Consigli a mettere la palla in angolo. Arriva subito la risposta di Matri, ma l’attaccante ex Milan spara alto. Biondini viene ammonito per un fallo precedente su Caprari. Le squadre continuano le schermaglie offensive fino al triplice fischio dell’arbitro.

Le attese della vigilia sono state rispettate: un incontro ricco di emozioni e giocato a viso aperto dalle due squadre. Anche se di poco, la vittoria è meritata per il Sassuolo, capace di resistere alle offensive avversarie e di colpire nel segno al momento giusto. Un applauso va fatto al Pescara, che ha prodotto una mole di gioco impressionante, trovando suo malgrado la rete soltanto in un’occasione.

IL TABELLINO
SASSUOLO 2-1 PESCARA
Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Biondini, Magnanelli, Duncan; Politano (dal 64′ Ragusa), Berardi (dal 83′ Antei), Defrel (dal 73′ Matri). A disp.: Pegolo, Pomini, Pellegrini, Falcinelli, Missiroli, Mazzitelli, Lirola, Letschert, Sensi. All.: Eusebio Di Francesco.
Pescara (4-3-2-1): Bizzarri; Zampano, Campagnaro, Gyomber, Biraghi; Cristante, Brugman (dal 73′ Mitrita), Memushaj (dal 73′ Manaj); Verre, Benali (dal 64′ Bahebeck); Cristante. A disp.: Fiorillo, Vitturini, Bruno, Pepe, Crescenzi, Zuparic, Aldegani, Selasi. All.: Massimo Oddo.
Marcatori: 37′ Defrel, 67′ Berardi (S); 80′ Manaj (P)
Ammonizioni: Acerbi, Biondini (S); Brugman, Campagnaro (P)
Espulsioni: –