Serie A, le pagelle di Roma – Udinese: Perotti (doppio) di rigore, dinamo Salah

La Serie A 2016/2017 inizia con la sfida tra Roma e Udinese, sfida che ha sempre riservato emozioni e sorprese.

Fonte immagine: Hassen zammeli da Wikipedia
Fonte immagine: Hassen zammeli da Wikipedia

Il primo tempo ha smentito queste previsioni, con i bianconeri attenti a respingere ogni timida offensiva dei padroni di casa. Nella ripresa i giallorossi hanno iniziato a spingere di più ed hanno trovato la chiave di volta: la Roma vince così la prima di campionato per 4 a 0, con un Udinese più sfortunata che arrendevole.
La partita mette in mostra Perotti, che sblocca la partita per la Roma con due reti su rigore, così come la sconfinata dinamicità di Salah. Male la retroguardia bianconera che regge solo un tempo.

Questi i voti e le pagelle dei giocatori scesi in campo durante Roma – Udinese.

 

ROMA

Szczesny 6: attento sulle poche insidie create dall’Udinese; da tirata d’orecchie al 65′ buca un retropassaggio e regala un angolo.

Bruno Peres 6,5: da pochi giorni in giallorosso e già calato nella parte: l’ex Torino regala corsa e polmoni per un esordio senza difetti.

Manolas 6,5: il greco non risparmia sportellate e tackle decisi, sempre nel limite della legalità; da segnalare anche due inserimenti di testa senza fortuna. Preoccupa l’uscita per un dolore alla caviglia destra (dal 79′ Fazio s.v.: debutto in Serie A senza lasciare il segno).

Vermaelen 6: in coppia con Manolas assicura alla Roma una partita di controllo in mezzo all’area e sembra aver assimilato bene i ritmi del campionato italiano.

Emerson 6: da rivedere il supporto offensivo, ma in generale una buona gara: copertura e corsa ci sono (dal 75′ Juan Jesus 6: prove di difesa a 3 per Spalletti, che con il brasiliano sembra reggere)

Paredes 6: sembra lui il fulcro della squadra nei primi minuti, ma poi viene sovrastato da Strootman. Buona gara in ogni caso, con l’uscita a un minuto dalla fine per problemi fisici e a cambi ultimati.

Nainggolan 6: non ha il solito mordente da recupera palloni e non mette in mostra neanche le sue attitudini offensive. Manca una grossa occasione a inizio ripresa e si riscatta con l’assist scivolato per il 3-0.

Strootman 6,5: l’olandese è tornato in forma, prendendo presto le redini del centrocampo giallorosso, oltre alla fascia da capitano.

Salah 7: sempre irresistibile negli ultimi 20 metri, poco preciso nel primo tempo. La ripresa lo vede più attento ed andare anche in rete un pò fortunosamente.

Dzeko 6,5: prima metà di gara avara di palloni, la punta si rifà nella ripresa. Buono il movimento che inganna Danilo e causa il primo rigore, così come la posizione per la terza rete capitolina.

El Shaarawy 5: vuoi l’emozione per la prima, vuoi la difesa avversaria schierata, vuoi la timidezza di Emerson nel supporto esterno: la prestazione del Faraone resta sotto la sufficienza (dal 56′ Perotti 7: due rigori, due realizzazioni: sul primo la rincorsa è camminata, ma niente effetto-Zaza per l’argentino. Buona anche la prova in campo).

All. Spalletti 6,5: mossa giusta quella di far entrare Perotti per El Shaarawy, in modo da attaccare con più aggressività lo spazio. Nota dolente gli infortuni di Manolas e Paredes.

 

UDINESE

Duvan Zapata - Fonte: foto-calcio-napoli.it (Danilo Rossetti)
Duvan Zapata – Fonte: foto-calcio-napoli.it (Danilo Rossetti)

Karnezis 5: primo tempo sugli scudi, ma il buon momento si chiude con la grande parata su Dzeko al 53′. Da lì è una valle di lacrime.

Heurtaux 6: il compito di spazzare qualsiasi pallone gli capiti a tiro viene svolto alla perfezione, agevolato da un El Shaarawy addomesticabile. Lascia il campo per una botta in testa (dal 51′ Angella 5: prova sotto tono per il suo ritorno nel campionato italiano, non è ancora inserito nei meccanismi difensivi).

Danilo 5,5: sarebbe stato da 6 non fosse stato per l’ingenuo fallo su Dzeko per il primo rigore: non può permetterselo un difensore con la sua esperienza.

Samir 6: dopo i primi sei mesi di rodaggio al Verona il brasiliano debutta in bianconero. Gara discreta, “arricchita” dal primo giallo di questa nuova Serie A.

Widmer 5: lavora più in fase offensiva e si fa vedere anche in area con tagli verso l’interno, ma nella ripresa sparisce quasi dal campo.

Badu 5,5: grinta sia in copertura sia nelle ripartenze, il ghanese non delude mai sotto queste voci; purtroppo quando arretra in difesa non perde la sua irruenza: oggi ha causato il secondo rigore.

Halfredsson 6: si trova bene con le due mezzali, tanto da permettersi anche qualche sortita palla al piede oltre alle impostazioni dalla mediana.

Fofana 6: l’esordio è da sufficienza, data dal giusto rapporto di pressing sulla mediana e ripartenze veloci (dal 77′ Lodi s.v.: entra per dare più tecnica alla squadra, ma i compagni sembrano aver tirato i remi in barca).

Adnan 5,5: buono in copertura, ma alla lunga subisce la spinta esterna della Roma e non riesce più a spingere in avanti.

De Paul 5,5: la Maledizione della Mezza Punta colpisce ancora. Dopo l’infruttuoso tentativo di Bruno Fernandes, l’Udinese sceglie l’argentino ex Valencia: tanto da lavorare in visione di gioco, ma davanti agli avversari sembra avere il piglio giusto (dal 67′ Penaranda 5,5: buon repertorio di finte e dribbling, anche efficaci, però pensa troppo da solo e non vede i compagni liberi: avrà tempo per lavorarci su).

Zapata 6: il solito gran lavoro da prima punta fatto al meglio, con appoggi e posizionamenti a volontà; manca il supporto dei compagni.

All. Iachini 5,5: si accontenta di un primo tempo complessivamente buono senza andare fino in fondo alla ricerca almeno del pareggio.