Serie A, Palermo-Napoli 0-3: Hamsik e Callejon trascinano i partenopei

Nella cornice del Barbera il Napoli strappa tre punti al Palermo e risponde nettamente alla vittoria della Juventus nel pomeriggio. nella calda Palermo è serata di record: Hamsik, da sempre bestia nera dei rosanero, si riconferma come tale e con la sua rete supera nella classifica marcatori uno come Diego Armando Maradona. A chiudere la serata ci pensa la splendida doppietta di Callejon, volato a sorpresa a quattro gol in tre gare.

È una partita fin da subito a senso unico: il Palermo si rintana tutto in difesa, il Napoli prova a scardinare le linee avversare, ben chiuse e compatte. Il primo squillo azzurro arriva da parte di Albiol che sugli sviluppi di un corner manda il pallone alle stelle. Sono tante le occasioni per i ragazzi di Sarri che però non riescono a concretizzare quasi nulla, complice anche un Milik che si inserisce bene ma non trova l’ultima scintilla per bucare la porta di Posavec.

Il Palermo prova ad uscire aggrappandosi ai tentativi di Jajalo e alle giocate di Diamanti, ma la difesa del Napoli regge e permette ai partenopei di riversarsi in avanti grazie alle incursioni di Insigne e ai tagli di Callejon e Ghoulam. Sul finire di primo tempo anche Zielinski, titolare al posto di Allan, prova a dire la sua servito da Callejon, ma il tiro di prima intenzione del polacco non trova lo specchio della porta.

Nella ripresa è decisamente un altro Napoli: gli azzurri riescono subito a rompere il muro avversario con la prima rete in campionato di Marek Hamsik, che apre le marcature con un bel tiro sul taglio di Ghoulam e supera Maradona nella speciale classifica dei gol segnati in Serie A. Al 50′ i partenopei trovando anche il meritato raddoppio, questa volta grazie a Callejon che, su cross di Insigne, insacca il pallone di testa.

Il doppio svantaggio scuote il Palermo che prova a rendersi pericoloso con il neo entrato Bruno Enrique, ma è ancora una volta il Napoli ad andare in rete con la doppietta personale di Callejon, bravo questa volta a sfruttare bene la palla di Zielinski e l’errore in uscita del portiere avversario. Con il tris azzurro la partita si spegne, salve qualche squillo di Gabbiadini subentrato dalla panchina: il Napoli trova nuove conferme anche dai non titolarissimi come Zielinski e Maggio, autore di una discreta partita, e può finalmente pensare alla Champions; avrà ancora da lavorare invece De Zerbi, alla sua prima con il Palermo e alle prese con tante cose da rivedere per conquistare una salvezza tranquilla.