Serie A, Pescara-Roma 1-4: le pagelle dei giallorossi

La Roma vince di forza contro un Pescara che retrocede matematicamente. Gli uomini di Spalletti rischiano qualcosa nei primi minuti ma, nel finale di primo tempo, siglano un 1-2 micidiale che spiana la strada verso la vittoria. Salah sale a 13 gol in campionato e i giallorossi allungano nuovamente sul Napoli rinforzando la seconda piazza.

LA ROMA PASSEGGIA ALL’ADRIATICO GRAZIE AD EL SHAARAWY

Szczesny 6.5:  primo tempo abbastanza agevole per il numero 1 della Roma che interviene solamente su qualche palla bassa. Nella ripresa, dopo il poker di Salah, deve impegnarsi per negare agli avversari la gioia del gol. Incolpevole sulla rete di Benali, lasciato inspiegabilmente solo nell’area piccola.

Rudiger 6.5: il tedesco si dimostra ancora una volta uno dei difensori migliori del campionato. Centrale o terzino per lui cambia poco poichè è sempre ben posizionato e in anticipo sull’avversario. Riesce a spingere più nella prima frazione di gioco, rimandendo più arrestrano dei restanti 45 minuti. Buone sovrapposizioni e assist per il reparto offensivo.

Manolas 6: un po’ in difficoltà rispetto alle passate partite. Il greco sbaglia qualche movimento di troppo nella tattica del fuorigioco rimanendo o troppo alto o troppo basso. Qualche posizionamento sbagliato, ma la serata si può concludere con una sufficienza più che meritata.

Fazio 6: serata tranquilla per il comandante della difesa giallorossa che non ha particolare problemi ad arginare gli uomini di Zeman. Nel gioco aereo resta il leader indiscusso e lascia solamente le briciola al Pescara. Sempre ben posizionato si gode il match stressandosi il minimo.

Palmieri 6.5: primo tempo quasi inesistente per il brasiliano che prova qualche accelerazione ma gioca pochissimi palloni. La ripresa parte immediatamente con un contropiede che porta alla realizzazione del 3-0. Molto attento in difesa rispetto agli incontri precedenti. Il ragazzo sta confermando partita dopo partita la sua grandissima crescita in questa stagione (dall’80’ Juan Jesus: Sv.)

Paredes 7: il ragazzo conferma tutto il suo talento con una partita quasi perfetta in cabina di regia. Ottime le verticalizzazioni che regalano a Nainggolan la possibilità dell’1-0 che si infrange sulla traversa. Prezioso sia in fase offensiva che di interdizione con interventi, anche sporchi, che fanno rifiatare la squadra. Fondamentale in un centrocampo estremamente muscolare. (dall’82’ Perotti: Sv.)

Strootman 7: altra prestazione ottima per l’olandese che ritrova un po’ di brio dopo qualche giornata opaca. Nel primo tempo tenta la conclusione dalla distanza senza mai prendere la porta. Il vantaggio porta la sua firma grazie ad un assist perfetto del faraone. Nella ripresa combatte e lotta su ogni palla lasciando poca iniziativa agli abruzzesi.

Nainggolan 7: il ninja sembra essere tornato sui ritmi di inizio stagione con tanta grinta e corsa. Il centrocampista belga non si risparmia sfiorando la rete nel primo tempo: la traversa gli nega nuovamente la gioia. Dopo Strootman è lui a siglare il raddoppio su assist di Edin Dzeko che sale a 5 in campionato. La Roma continua ad avere un disperato bisogno del suo talento e della sua personalità.

El Shaarawy 7.5: l’egiziano risulta il migliore della Roma per aver regalato ben 3 assist vincenti ai suoi compagni. Sulla fascia è devastante e non viene mai fermato dai difensori del Pescara. Sfiora il gol nel primo tempo calciando debolmente di sinistro da ottima posizione. Tanto fiato, tanta corsa e soprattutto tanto altruismo potrebbero essere le armi vincenti per la Roma in questo finale di stagione.

Salah 7.5: l’egiziano, con una difesa che lascia un po’ a desiderare, diventa devastante soprattutto se il reparto resta alto. Nella prima frazione di gioco, le sue accelerazioni vengono annullate da un’ottima trappola del fuorigioco. Nei restanti 45 minuti, l’attaccate, viene servito due volte da El Shaarawy che gli permettere di iscriversi al taccuino dei marcatori con una doppietta.

Dzeko 6.5: mezzo punto in meno rispetto ai compagni per il mancato gol che lo avrebbe portato in testa alla classifica cannonieri. Il bosniaco gioca per la squadra ma pecca di cattivera negli affondi. Tante le occasioni divorate e un assist vincente che manda in rete Nainggolan. Può fare di più come ha sempre detto il tecnico Spalletti. (dal 71′ Grenier: Sv.)

Spalletti 6.5: la Roma si impone di forza contro un avversario modesto e già con entrambi i piedi in Serie B. Il Pescara restiste per 40 minuti ad un avversario superiore sia tecnicamente che mentalmente. I due gol nel finale di primo tempo spianano la strada ad una goleada auspicata sin dalla vigilia. Peccato per il 4-1 subito per una distrazione, ma questa sera si può rimproverare poco al club della capitale.