Serie A, la Juventus vince ancora, 0-2 a Cagliari: ci pensa il solito Higuain

PRIMO TEMPO – Il Cagliari entra allo stadio con la maglia storica dello scudetto, proprio quella che indossò Gigi Riva, premiato con il Collare d’oro dal presidente del Coni Malagò prima dell’inizio della partita.

Higuain - Fonte immagine: inter.it
Higuain – Fonte immagine: inter.it

Rastelli sceglie la formazione-tipo, compatibilmente con gli infortuni (Farias) e le squalifiche (Ceppitelli, Joao Pedro) per provare ad arginare la Juventus ammazzacampionato. Mentre Allegri fa scendere in campo l’11 migliore. La Juventus allunga ancora, arrivando a quota 60 punti. Questa sera è arrivata l’ennesima vittoria, archivinado così anche la sfida di Cagliari e pensando già a quella contro il Palermo in casa, in vista naturalmente in primo piano c’è la Champions League, con la trasferta di Porto da affrontare. Al Sant’Elia i primi 37′  il Cagliari gioca alla pari e costruisce gioco anche se non tira mai in porta. La Juve segna il gol del vantaggio nell’unica occasione in cui riesce ad entrare in area: palla di Marchisio sullo scatto magnifico per Higuain che con uno scavetto supera il portiere; 0-1.

SECONDO TEMPO – Subito ad inizio ripresa c’è il raddoppio-lampo per i bianconeri: contropiede Juve con Dybala a far filtrare una palla in area per Higuain, che dall’interno dell’area scaglia un diagonale e non sbaglia; 0-2. Il Cagliari cerca di svegliarsi, anche se timidamente con una conclusione da fuori potente da parte di Pisacane: Buffon si riconferma ancora un signor portiere con una grande parata, deviando la conclsuione in angolo. Di conseguenza c’è la concorrenza di Rafael, anche se a dirlo può sembrare strano: cross per Mandzukic, schiacciata di testa e sfera sulla traversa, la palla rimbalza nell’area per Dybala che, con portiere battuto per terra, cerca la rete, ma con un miracolo viene neutralizzato il tutto. Ma la Juventus si aggiudica il match per 0-2, grazie ad una doppietta di Higuain.

Flavio Ponissi

Flavio Ponissi

Sicignano Degli Alburni-Salerno. Aspirante giornalista sportivo. Amante del calcio, quello vero.