Serie A, i posticipi del lunedì: reti bianche a Verona, vittoria in extremis dell’Udinese

Nei posticipi chiudono la quindicesima giornata di Serie A, pari senza reti a Verona e vittoria in extremis dell’Udinese col Bologna. Vediamo insieme come si sono svolti i due match.

Dacia Arena, Udine. Fonte: Matteo.favi, Wikipedia
Dacia Arena, Udine. Fonte: Matteo.favi, Wikipediai,

 

 

 

 

 

 

 

CHIEVO-GENOA 0-0

Serve a poco per le sorti della parte centrale della classifica l’esito del primo match del posticipo del lunedì, in cui il Genoa sale all’unidicesimo posto, con 20 punti a pari del Cagliari e il Chievo rimane ad un solo punto di distanza, gettando via due punti preziosi con un errore su calcio di rigore.
Iniziano bene gli ospiti del Genoa che con pressing alto e velocità di gioco non lasciano spazio alle manovre dei gialloblù, anche se non ci sono conclusioni importanti da evidenziare per la prima mezz’ora. Il Chievo cresce sul finale del primo tempo e sono infatti dei padroni di casa le due occasioni più importanti con Meggiorini che conclude da fuori area con un sinistro che colpisce la traversa e soprattutto con Birsa che al 37′ spreca clamorosamente un calcio di rigore calciando alto.
Nella ripresa il gioco delle due squadre si fa più offensivo e la partita si anima. Si susseguono occasioni delle quali la più rilevante è degli ospiti: Ninkovic, entrato al posto di Pandev all’inizio del secondo tempo, si accentra e tenta il destro a giro trovando il palo. Il Genoa tenta di aggredire fino alla fine ma senza andare a segno davanti ad un Chievo, che soffre ma porta a casa il punto. Partita dal risultato tutto sommato giusto.

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino; Frey, Dainelli, Gamberini, Gobbi; Castro, Radovanovic, De Guzman; Birsa; Inglese, Meggiorini. A disposizione: Seculin, Confente, Sardo, Spolli, Cesar, Costa, Bastien, Rigoni, Izco, Hetemaj, Floro Flores, Pellissier. Allenatore: Rolando Maran.

GENOA (3-4-1-2): Perin; Munoz, Burdisso, Izzo; Lazovic, Rincon, Veloso, Fiamozzi; Rigoni; Pandev, Simeone. A disposizione: Lamanna, Zima, Edenilson, Gentiletti, Brivio, Biraschi, Cofie, Ntcham, Ocampos, Ninkovic, Gakpè. Allenatore: Ivan Juric.

AMMONITI: Meggiorini 46′ (C), Munoz, 46′ (G), Rigoni 62′ (G), Hatmaj 74′ (C), Lazovic 93′ (G).

UDINESE-BOLOGNA1-0

Il match serale che chiude il programma della quindicesima giornata di Serie A si chiude con un gol all’ultimo minuto di Danilo che permette all’Udinese di superare gli emilioni in classifica.

Dopo il minuto di raccoglimento in memoria delle vittime della Chapecoense le squadre iniziano a buon ritmo ma l’occasione più clamorosa è di Destro che al 7′ su un cross dalla sinistra, manca il bersaglio a pochi metri dalla porta mandando alto. Risponde al 16′ con Thereau che sfrutta un errato disimpegno della difesa del Bologna. In questa fase del match è l’Udinese che attacca, il Bologna invece si affida a qualche ripartenza. Attivissimi tra le fila dei padroni di casa i due attaccanti Thereau e Zapata. Quest’ultimo ha una grandissima occasione al 23′ su cross dalla sinistra, mancando il gol con un colpo di testa da distanza ravvicinata che si spegne tra le braccia di Mirante. Si ripete ancora l’attaccante dell’Udinese al 32′ con un colpo di testa di poco alto. I primi 45 minuti si chiudono con l’Udinese proiettata all’attacco e il Bologna che si difende con un certo affanno.

A inizio ripresa la squadra ospite prova a spingere, ma sono i friulani ad impegnare ancora Mirante che con una buona uscita ferma Kums lanciato verso la porta. Le squadre si impegnano nel tentativo di superarsi ma troppi errori tecnici impediscono di sbloccare il risultato. Solo una prodezza di Danilo allo scadere permette all’Udinese di guadagnare l’intera posta.

UDINESE (4-3-1-2): Karnezis; Widmer, Danilo, Samir, Felipe; Fofana, Kums, Hallfredsson (dal 26′ st Perica); De Paul (dal 22′ st Badu); Zapata, Thereau. A disposizione: Ali Adnan, Angella, Perisan, R. Matos, Lucas Evangelista, Jankto, Peneranda, Scuffet, Heurtaux, Faraoni. Allenatore: Luigi Delneri

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Torosidis, Maietta, Oikonomou, Masina; Dzemaili, Pulgar, Taider; Mounier (dal 32′ st Mbaye), Destro, Krejci (dall’11 st Di Francesco). A disposizione: Donsah, Da Costa, Morleo, Kraft, Okwonkwo, Ferrari, Ravaglia, Nagy, Floccari, Viviani. Allenatore: Roberto Donadoni

AMMONITI: Hallfredsson 35′ (U)Felipe 50′ (U) Danilo 58′ (U), Pulgar 57′ e 68′ (B)

MARCATORI: Danilo 94′
ESPULSO: Pulgar 68′ per doppio cartellino giallo