Tragedia aerea in Colombia, a bordo anche il Chapecoense

Tragedia nei cieli della Colombia che colpisce anche il mondo del calcio. Ieri sera (questa notte in Italia) è infatti precipitato vicino alla città di Medellin un aereo con 81 passeggeri a bordo. Tra questi anche i componenti, calciatori, staff e dirigenti, del Chapecoense squadra di Serie A brasiliana che era in viaggio verso la città colombiana per giocare la finale della Copa Sudamericana, l’equivalente dell’Europa League, contro il Nacional de Medellin. La squadra avrebbe dovuto in realtà viaggiare su un volo charter diretto ma il volo non è stato autorizzato dall’aviazione brasiliana costringendo il club a cambiare i propri programmi all’ultimo momento e salire dunque sull’aereo civile che poi è precipitato. All’origine della tragedia sembrerebbe esserci un guasto all’impianto elettrico. Al momento risultano 13 persone sopravvissute alla sciagura. Tra queste Alan Ruschel, 27 anni, uno dei terzini della squadra, ricoverato all’ospedale municipale de La Ceja. In squadra anche due vecchie conoscenze del calcio italiano: Filipe Machado, alla Salernitana nel 2009 (zero presenze); Claudio Winck, giocatore del Verona nel 2015-2016 che vanta anche un gol negli ottavi di Coppa Italia contro il Pavia. L’ex scaligero non faceva però parte della spedizione in quanto non convocato.