Inter, dichiarazioni al veleno sui casi Imbula e Salah

Il colpo last minute per Kondogbia, soffiato al Milan che si era pronunciato per un patto di non belligeranza sul mercato, non aveva seguito il Milan batter ciglio sul comportamento della dirigenza interista. Non le stesse pacate reazioni sono succedute per quello che è avvenuto sull’affare Imbula, dato per fatto all’Inter e poi accasatosi al Porto, e quello che sta avvenendo per Salah.

Mohamed Salah. Fonte: violachannel.tv
Mohamed Salah. Fonte: violachannel.tv

Il padre e procuratore del centrocampista francese Giannelli Imbula si è espresso duramente sul come il suo assistito è stato sedotto e abbandonato nel giro di pochi giorni per poi riapparire declamando delle promesse non mantenute: “Io ero molto interessato al suo passaggio all’Inter, perché è un grande club, con un progetto ambizioso. Abbiamo atteso, invano, che Roberto Mancini parlasse con lui, ma per quattro giorni non abbiamo avuto alcun segno di vita da parte dei nerazzurri. Il loro modo di agire mi fa vomitare. Si sono svegliati solo quando hanno sentito che c’era l’interesse del Porto su di lui. E i loro intermediari mi hanno mandato anche una serie di sms minacciosi“.

Inoltre, ha tenuto a precisare la neutralità del fondo Doyen, vicini al gruppo di Mr. Bee e quindi al Milan.

Più vivida e lontana da una conclusione rispetto all’affare Imbula, già accasato ufficialmente al Porto, ciò che riguarda la guerra fredda tra Fiorentina e Salah che coinvolge esplicitamente ed indirettamente anche il club nerazzurro. Infatti, il consigliere viola Paolo Panarei, vicinissima alla famiglia Della Valle e fondatore di Class Editori, si è espresso su Twitter sul caso che sta tenendo banco; alle 12.36 di oggi, Panarei ha twittato:

“Toni, Mutu,Galliani sanno che la Fiore fa sempre onorare le firme.Lo sa Montella.lo sapra’ Salah. Lo sa ora l’Inter che provo’ gia’ con Toni”.

Ma il consigliere viola non si ferma qui e nel giro di pochi minuti si scaglia ancora contro il giocatore, l’Inter e a Malagò:

Caro Giovanni (Malagò), Salah è la goccia per commissariare. Non si può più tollerare che le firme e i regolamenti (art.18) valgano meno di 0. Se le società del calcio dovessero rispettare la trasparenza, l’Inter sarebbe già retrocessa. Che soldi sono, di chi, a partire dalle Cayman?  Platini sa che l’Inter è fuori dalla legge del fair play. Per Salah e gli altri acquisti milionari. È l’occasione per una iniziativa esemplare”.

Le parole di Panarei sono solo il seguito dei tweet pubblicati da Mohamed Salah in risposta ad alcuni tifosi viola e un utente arabo che gli chiedevano (in termini coloriti i primi) le spiegazioni del suo comportamento silenzioso, enigmatico e snervante con la società toscana. La Fiorentina, che ha già sprecato un mese di mercato a causa della situazione legata Salah, convinta di una risoluzione positiva, ora è su tutte le furie e difficilmente questa storia si concluderà pacificamente senza passare per vie legali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy