Eredivisie: big match all’Ajax che torna primo. Feyenoord 3°

Si conclude il 28° turno di Eredivisie.

Fonte: Viola Channel
Fonte: Viola Channel

Il week end ha visto andare in scena il big match tra Psv e Ajax per la prima posizione in palio. Ad uscirne vincitori sono gli uomini di de Boer con un secco 2-0 al Philips Stadion. Il club di Eindhoven perde il primato dopo la dolorosa eliminazione dalla Champions. Un periodo nero per Cocu. Neanche il tempo di sedersi per i tifosi ospiti chiamati ad esultare dopo appena 2 minuti: Milik, l’attaccante più in forma del momento, sigla l’1-0. Una doccia fredda per i padroni di casa che faticano a rientrare in gara. Il colpo psicologico è forte, ma il Psv riesce a creare qualche buona occasione alla fine del primo tempo, ma non è abbastanza. Nella ripresa, gli ospiti prendono il pieno controllo del match, rischiano poco facendo girare con grande tecnica il pallone. Al 73’, de Boer, butta nella mischia El-Ghazi per sfruttarne la velocità e il dribbling. Il ragazzo, seguito da Milan, fa passare solo 3 minuti per chiudere i conti sul 2-0. Vittoria e 3 punti che hanno sapore di primato. Ora tocca nuovamente al Psv inseguire.

Il Feyenoord non ha problemi contro il Graafschap, penultimo e con un tasso tecnico troppo inferiore. Al triplice fischio il tabellone dice 3-1 per i padroni di Rotterdam. La prima frazione di gioco rilascia poche emozioni, ma al 26’ Propper trova il giusto varco e porta in vantaggio gli ospiti. I biancorossi si risvegliano, ma non riescono a superare il muro difensivo. Nella ripresa, Il Feyenoord si riversa interamente nella metà campo avversaria per assaltare il fortino. I primi risultati si vedono con Kramer che firma il pari al 55’. I padroni di casa, sulle ali dell’entusiasmo, non abbassano il ritmo e schiacciano il Graafschap con pressione crescente. Ad un quarto d’ora dalla fine, l’ex Juventus Elia, ribalta il risultato finendo sul taccuino dei marcatori. 2-1 e partita sistemata sui giusti binari. Nel finale entra in gioco anche la sfortuna: Bouma deposita il pallone nella propria porta regalando il definitivo 3-1. Il Feyenoord approfitta del passo falso dell’Az e riabbraccia il terzo posto in solitaria. Anche il Vitesse vola e si impone per 3-0 sul campo del Groningen, pervenuto solo nel primo tempo. Infatti nei primi 45’ minuti, le due squadre rimangono bloccate in una fase di studio costante. Ad approfittare della situazione ci pensano i padroni di casa che mancano di precisione nell’ultimo passaggio. Nella ripresa salgono in cattedra i nerogialli che affondano come un coltello nel burro. Accade tutto nell’ultimo quarto d’ora: ad aprire le danze è Solanke al 73’ dopo essere entrato al 65’. Un cambio azzeccatissimo per l’allenatore. 5 giri di orologio e anche il talento georgiano firma il cartellino: Qazaishvili non poteva mancare all’appello. Nel finale Solanke chiude l’incontro proprio come lo aveva aperto, tornando a casa con una doppietta personale.

Gli altri risultati di Eredivisie: Den Haag-Nec 1-0 (89’ Malone), Twente-Az 2-2 (51’ Janseen (A), 75’ e 92’ Thesker (T), 77’ Haye (A)), Cambuur-Roda 0-1 (48’ van Hyfte), Zwolle-Willem 4-1 (18’ Marcellis (Z), 23’ Menig (Z), 37’ Falkenburg (W), 60’ Veldwijk (Z), 93’ Nijland (Z)), Hereenveen-Heracles 0-1 (33’ Navratil), Utrecht-Excelsior 2-1 (5’ Kruys (E), 33’ su rig. e 45’ Haller (U)).

Classifica Eredivisie: Ajax 68, Psv 66, Feyenoord 49, Az 47, Utrecht 45, Heracles 44, Vitesse 43, Zwolle 41, Nec 40, Den Haag 37, Twente 35, Groningen 34, Heerenveen 34, Roda 31, Willem 25, Excelsior 25, Graafschap 17, Cambuur 16

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *