Daniel Alves, la banana, e quella lezione che tutti dovremmo imparare

Il gesto di Daniel Alves è singolare, e proprio per questo erediterà strascichi importanti in futuro. Non certo il fenomeno delle banane che simpaticamente popolano il web da diversi giorni, ma l’idea che l’unico modo per combattere il razzismo è prendere coscienza del fatto che il razzismo sia un fenomeno che esiste ed esisterà sempre.

Daniel Alves con la maglia del Brasile Fonte: Ronnie Macdonald (wikipedia)
Daniel Alves con la maglia del Brasile
Fonte: Ronnie Macdonald (wikipedia)

Se la madre dei cretini è sempre incinta, non è uccidendo la madre che si verrebbe a capo dei problemi. Bisognerebbe vivere con la consapevolezza che qualcuno, prima o poi, ci farà pesare un qualcosa che invece è semplicemente naturale. Allo stadio, per strada, al mare, in montagna. Il razzismo è un fenomeno becero che non ha luogo. Si manifesta e si manifesterà sempre, dappertutto. Bisognerebbe avere la forza di riderci su, proprio come ha fatto Dani Alves sabato al “Madrigal”. Solo ignorandolo il fenomeno del razzismo potrà smettere di far rumore. Portare via il pallone dal campo come Zoro nel 2005, o scagliare lo stesso contro una grata di ferro come Boateng lo scorso anno, oppure mostrarsi sofferenti come spesso accade a Balotelli peggiorerebbe semplicemente le cose. Celando uno stato di malessere i calciatori esaudirebbero solo quello stupido desiderio che spinge ogni persona a comportarsi in un certo modo: far sentire diverse le persone. Dani Alves lo ha capito. Mangiando la banana che gli è piovuta dagli spalti, il brasiliano ha saputo sbeffeggiare chi con quel gesto sperava di ottenere tutt’altra reazione. Siamo sicuro che sarà conveniente lanciare altre banane in futuro?

Fabio Tarantino

Fabio Tarantino

Giornalista, nato a Napoli il 19/02/1991

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy