Liga BBVA: deludono Malaga e Eibar, Siviglia alla conquista d’Europa

Si conclude tra conferme e colpi di scena il pomeriggio di Liga BBVA, valido per la 33 esima giornata di campionato.

Fonte: Miwipedia (Wikipedia)
Fonte: Miwipedia (Wikipedia)

Convincono le vittorie casalinghe del Siviglia, che piega il Vallecano e si conferma stabile in zona playoff e dell’Almeria che lotta per scongiurare la retrocessione; delude invece il Malaga, frenato clamorosamente in casa dal Deportivo, interprete di una buona prestazione. In seguito al trionfo del Barça che ieri sera, trascinato dalle reti di Neymar e Messi si è imposto sull’Espanyol, si attende la risposta sul campo del Real, altra grande pretendente al titolo, che giocherà domani sera in casa del Celta Vigo e tenterà di accorciare le distanze dai blaugrana, a quota 81.

La domenica di Liga si apre con il lunch match tra Malaga e Deportivo: solo uno scialbo pareggio rimediato alla Rosaleda dai padroni di casa, che non vanno oltre l’1-1. Gara poco esaltante sotto il profilo tattico, con le due formazioni ben schierate in campo che nella prima frazione di gioco si trincerano nella propria trequarti campo concedendo poco o nulla agli avversari. Il fragile equilibrio del match si spezza in avvio di ripresa: è la squadra andalusa a spingere sull’acceleratore e passare in vantaggio con la rete di Amrbat, che si accentra in area e scaglia un rasoterra preciso e potente, propiziato dal cross di Weligton. Bastano poco più di 10′ agli avversari per agganciare una difficile rimonta che giunge su calcio piazzato: alla battuta si prepara Peres che apre la sponda per Riera, lesto ad arpionare il pallone di testa e ribadire in rete. Brividi nei minuti finali: sprecano l’occasione del raddoppio i galiziani con Perez, la cui conclusione sfiora la traversa. Pareggio sostanzialmente meritato, grazie al quale il Depor raggiunge quota 29 frenando a 47 punti il Malaga, sempre più in crisi dopo i tre pareggi e la sconfitta con l’Atletico Madrid.

Alle 17 lo stadio Mediterraneos ha ospitato il match tra Almeria ed Eibar. La formazione di casa entra subito in campo con personalità e classe, costringendo i portatori di palla avversari a ripiegare e gestendo un asfissiante possesso palla che non permette all’Eibar di entrare in partita. Dinamismo e forza sembrano essere gli imperativi categorici dell’Almeria, che già all’8′ estrae dal cilindro una splendida progressione offensiva che il missile di Bifouma tramuta in gol spiazzando Ipureta. Sempre più difficile per i baschi di Garitano provare a risalire la china: gli andalusi non concedono varchi e la porta avversaria diviene bersaglio facile dell’assalto dell’Almeria, che continua ad attaccare a testa bassa siglando il netto 2-0. Propiziato dall’intervento scorretto di Rossello, la stoccata vincente giunge su rigore: dal dischetto la freddezza e la precisione di Verza condannano i baschi, che raggiungono la soglia dei 31 punti, a subire la terza sconfitta consecutiva e regalano agli andalusi l’agognata vittoria, dopo la debacle contro il Vallecano.

 

Fonte immagine: flickr.com  user: inkiboo
Fonte immagine: flickr.com user: inkiboo

La domenica spagnola chiude i battenti con il match tra Siviglia e Vallecano che si affrontano al Sanchez in una gara ricca di emozioni e divertimento. I madridisti di Jemez esprimono un gioco rapido e dinamico e fanno della trazione anteriore il loro punto di forza lasciando però spesso scoperta la linea difensiva guidata da Tono, autore di miracolose anticipazioni; gli uomini di Emery tendono ad arginare le insidiose folate offensive degli avversari e si impongono nella prima frazione di gioco impostando la manovra offensiva grazie agli spunti fantasiosi del duo Iborra-Suarez. Dopo appena un quarto d’ora l’ago della bilancia pende a favore del Siviglia: il diagonale di Figueiras taglia il campo raggiungendo Iborra che scaglia il destro a giro in area timbrando l’1-0.  Il Siviglia continua a macinare occasioni da gol e allo scadere del primo tempo la carta vincente la gioca Suarez che suggerisce per Carrico: un vero e proprio capolavoro l’appoggio di testa dell’attaccante che permette al Siviglia di tornare a sorridere nella zona alta della classifica dopo i pareggi con Barça e Granada. 66 i punti collezionati dalla formazione di casa, che si porta a +1 dal Valencia ed è la favorita nella corsa all’Europa; 41 punti per il Rayo Vallecano che, stabile a metà classifica con 41 punti, ha già da tempo chiuso con successo la pratica salvezza.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy