Liga BBVA: Valencia fermato dal Rayo, l’Espanyol vince a Granada

La trentaquattresima giornata di Liga spagnola si chiude con risultati importanti in chiave Champions League e salvezza e a beneficiarne sono Rayo ed Espanyol.

Stadio del Granada  Fonte: HrAd (wikipedia.org)
Stadio del Granada
Fonte: HrAd (wikipedia.org)

In una partita divertente il Rayo Vallecano si fa apprezzare per il suo gioco offensivo e spettacolare che mette in seria difficoltà il Valencia soprattutto nella prima frazione di gioco. Nonostante il pressing asfissiante della squadra di Paco Jemez il Valencia riesce a trovare in ripartenza due occasioni importantissime che costringono Toño a due interventi di spessore.

Il Rayo riesce comunque a trovare il gol del vantaggio grazie ad una giocata individuale di Embarba che si destreggia tra le maglie nemiche e lascia partire un destro potente che entra in rete grazie anche al pessimo intervento di Diego Alves, protagonista di un gesto tecnico tanto goffo quanto dannoso.

Dopo aver sfiorato il pari a fine primo tempo con Negredo, il Valencia scende in campo nella ripresa con un altro piglio: turning point dell’incontro l’intervento in scivolata di Murcillo su André Gomes lanciato a rete che costa il rosso diretto al centrale rojiblanco e regala un calcio di punizione dal limite pericolosissimo al Valencia. Sugli sviluppi della stessa punizione arriva il pareggio degli uomini di Espirito Santo che grazie ad un’esecuzione impeccabile del solito Dani Parejo riacciuffano la partita.

Nel finale si infiamma la partita e l’arbitro Vicandi Garrido ristabilisce la parità numerica sventolando il cartellino in faccia a Rodrigo, reo di aver sgambettato il portiere del Rayo Toño con troppa veemenza e cattiveria.

Non mancano negli ultimissimi minuti le chance per entrambe le squadre: il Rayo spreca una buonissima occasione con Trashorras su calcio da fermo che esce di pochissimo; il Valencia invece accarezza l’idea della vittoria su un tiro ravvicinato di Feghouli respinto miracolosamente in corner da Toño, di gran lunga il migliore in campo.

Il pareggio di Vallecas ridimensiona il cammino del Valencia che adesso deve condividere la quarta posizione (ultimo piazzamento valido per disputare i preliminari di Champions League) con il Siviglia vittorioso ieri in casa dell’Eibar. Per il Rayo Vallecano invece il pareggio consolida l’ottimo campionato disputato fin qui dalla squadra di Paco Jemez (il cui futuro appare lontano dalla Spagna secondo le ultime indiscrezioni); resta comunque l’amaro in bocca per non aver protetto il vantaggio che sembrava al sicuro fino al momento dell’espulsione di Murcillo.

Alle 22 invece arriva il successo dell’Espanyol sul campo del Granada, risultato chiave in ottica salvezza che condanna gli andalusi a rimanere a 6 lunghezze di distacco dall’Almeria, attualmente salvo.

A sbloccare il risultato per la squadra di Sergio Gonzalez è l’eterno Sergio Garcia che a fine primo tempo sterza in area di rigore mandando a vuoto due avversari e piazza il suo mancino sotto la traversa.

Nella ripresa arriva il pareggio del Granada grazie a Diego Mainz che sfrutta il morbido cross di Lass dalla destra e la dormita generale della difesa dell’Espanyol che osserva il centrale numero 5 insaccare di testa.

Non basterà tuttavia il gol dell’1-1 a salvare il Granada che verrà sconfitto nel finale quando Montañes grazie ad una serie di fortunosi rimpalli riesce a schiaffare il pallone alle spalle di Roberto. Tre punti che consolidano il decimo posto dell’Espanyol  e dall’altra parte condannano, come sopra citato, il Granada ad un finale incandescente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy