Liga: tonfo Barcellona col Granada, Real Madrid forza 4

Nel sabato della Liga sono impegnate la seconda e la terza della classe. Il Barcellona sfida in trasferta il Granada, mentre al Bernabeu il Real Madrid affronta l’Almeria. Entrambi impegni alla portata, ma la considerazione che si può fare al termine è che il Barcellona non ha smaltito la delusione per l’eliminazione ai quarti contro la capolista Atletico; mentre il Real, dopo la breve parabola discendente post-Clasico e Siviglia, è vivo e vegeto e lotta su tutti e 3 i fronti. Proprio mercoledì c’è la replica del Clasico, ma questa volta c’è in palio la Coppa del Re. Squadre che, alla luce di quanto successo oggi, arrivano alla finale con stati d’animo completamente opposti.

Ángel Fabián Di María Hernández Foto di Alejandro Ramos - Wikipedia
Ángel Fabián Di María Hernández
Foto di Alejandro Ramos – Wikipedia

Il Barcellona, impegnato alle 20 contro il Granada, va sotto dopo 15′, dopo che il centrocampista franco-algerino Yacine Brahimi raccoglie uno splendido passaggio e di diagonale la mette dove Pinto non può arrivare. La reazione del Barcellona c’è, ma soprattutto nel primo tempo gli uomini di Martino si rendono pericolosi in poche occasioni. Nella ripresa, per il numero di occasioni avute, il Barcellona non avrebbe demeritato il pareggio ma di fatto il Granada, in parte per propri meriti e in parte per fortuna, è riuscito a preservare il vantaggio fino al fischio finale. Se domani l’Atletico Madrid dovesse vincere, si porterebbe a +4 dai Blaugrana.

A pochi minuti dalla fine delle ostilità tra Barcellona e Granada inizia al Santiago Bernabeu Real Madrid-Almeria. I padroni di casa prima della mezz’ora collezionano almeno 3 occasioni chiare da gol. Ma il vantaggio arriva al 28′ con un gran tiro di sinistro da posizione defilata di Angel Di Maria. Dopo 8 minuti dall’inizio del secondo tempo arriva il raddoppio: Bale raccoglie un assist di Benzema ed esplode subito il sinistro, su cui il portiere dell’Almeria arriva ma senza riuscire a bloccare, con la palla che finisce per insaccarsi per il 2-0. Al 56′ Isco fa tutto da solo in area e dopo una serie di finte piazza un tiro preciso nell’angolino basso per il 3-0. Goleada completata all’85’ quando Morata, d’interno, cala il poker e mette la parola ‘fine’ alla partita. Missione svolta senza intoppi e Barcellona scavalcato in classifica.

La classifica adesso vede le due squadre di Madrid a pari punti, 79, al primo posto. Con la differenza che l’Atletico è impegnato domani alle 19 col Getafe. In caso di vittoria, sarebbe l’ennesima giornata positiva per la banda Simeone, dal momento che in virtù della sconfitta odierna il Barcellona potrebbe essere staccato di 4 punti.

Avatar

Edoardo Ciotola

21enne che continua imperterrito a parlare di 'farsi i viaggi' e che sogna di diventare giornalista sportivo di professione. Metà napoletano e metà spagnolo (d'adozione). Cresciuto a pane e Fabri Fibra, ama il calcio (la fede è quella interista) e ascolta qualsiasi tipo di musica. Insomma, non ha le idee propriamente chiare, ma è talmente orgoglioso da essere capace di farne addirittura un vanto. In fin dei conti però una cosa è certa: la sua anima è unita, tramite punti di sutura, alla scrittura e alla comunicazione, di qualsiasi forma esse siano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy