Community Shield, Arsenal-Chelsea 1-0: a Wembley decide Oxlande Chamberlain

È dell’Arsenal il primo titolo della stagione calcistica inglese che vince il Community ShieldWembley battendo con il punteggio di 1-0 il Chelsea di Josè Mourinho. Una vittoria sofferta ma che consente agli uomini di Arsene Wenger, che batte per la prima volta Mou, di iniziare nel migliore dei modi la stagione: a decidere l’incontro, un goal di Oxlande Chamberlain a metà del primo tempo.

L'Arsenal al fischio d'inizio. Fonte: Ronnie Macdonald (flickr.com)
L’Arsenal al fischio d’inizio. Fonte: Ronnie Macdonald (flickr.com)

Nel Arsenal, Wenger lascia a sorpresa Olivier Giroud in panchina lanciando un 4-3-3 con Walcott prima punta supportato ai lati da Ozil e Oxlande Chamberlain. In porta, inoltre, prima da avversario per Petr Cech che sfida il suo passato.

In casa Chelsea, invece, Mourinho conferma il 4-2-3-1 della vigilia lasciando però in panchina Oscar con Matic titolare in mediana e Fabregas che prende il posto del brasiliano sulla trequarti insieme a Willian e Hazard. In attacco Remy vince il ballottaggio con Falcao mentre Diego Costa si accomoda in tribuna visti i problemi muscolari.

I primi minuti dell’incontro si giocano su ritmi blandi: l’Arsenal tenta di studiare un Chelsea che prova a fare gioco sulle fasce con la velocità di Willian e Hazard. Nei primi 20 minuti, però, non ci sono occasioni e la prima opportunità arriva solo al 23° minuto ed è per l’Arsenal con Walcott che sugli sviluppi di un calcio di punizione trova un colpo di testa sul primo palo che Courtois intercetta facilmente. Passa un minuto edGunners vanno in vantaggio con Oxlande Chamberlain: grande azione per l’inglese che entra in area dalla destra, salta facilmente Azpilicueta e buca Courtois con un perfetto sinistro a giro che si insacca all’incrocio dei pali.

La rete degli uomini di Arsene Wenger suona come un campanello d’allarme per il Chelsea, poco incisivo così come dimostrato in tutto il corso della preparazione estiva, che sente la mancanza del suo bomber Diego Costa con un Remy non all’altezza e che per ben 5 volte nel primo tempo si fa beccare in fuorigioco. Il primo tiro verso la porta di Cech arriva soltanto al 33° minuto con Ramires che dai 20 metri prova un tiro sul palo più lontano ma la palla si spegne sul fondo. Nel finale di tempo i blues ci provano ancora ma l’Arsenal si difende bene e va a riposo in vantaggio.

Nella ripresa è tutto un altro Chelsea: la squadra di Mourinho esce dagli spogliatoi con un piglio diverso e, con l’ingresso di Falcao e Oscar, ottiene nuova linfa in attacco. Al 63° minuto c’è la prima occasione della ripresa per i blues con Hazard che riceve palla e a tu per tu con Cech sbaglia clamorosamente mandando il pallone sopra la traversa; passano alcuni minuti e Cech sale in cattedra al 69° minuto quando sventa la più grossa chance del Chelsea smanacciando la perfetta punizione di Oscar diretta all’incrocio dei pali.

L’Arsenal è in difficoltà, dopo un primo tempo giocato bene si ritrova con l’acqua alla gola vista la lucidità del reparto offensivo del Chelsea. Wenger, che in carriera non ha mai battuto Mourinho, prova a difendersi mandando in campo Gibbs al posto di Ozil mentre Mou manda in campo Moses per l’assalto finale negli ultimi 10 minuti ma è l’Arsenal all’86° minuto per chiudere l’incontro: Cazorla, servito solo dentro l’area, viene chiuso da Courtois che respinge sui piedi di Ramsey che prova un pallonetto ma la palla viene deviata in corner.

Nel finale ci prova ancora il Chelsea ma nei minuti finale manca lucidità ai blues che non portano più pericoli alla porta di Cech e dopo 4 minuti di recupero può iniziare la festa dei Gunners che vincono il Community Shield 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy