Premier League, 27° turno: Coutinho lancia il Liverpool, 2-1 al Man City

Nel big-match della ventisettesima giornata di Premier League il Liverpool è riuscito a superare per 2-1 il Manchester City nella stupenda cornice di Anfield Road, grazie alle reti realizzate da Jordan Henderson e Philippe Coutinho, intervallate dal momentaneo pareggio ospite di Edin Dzeko.

Philippe Coutinho (Fonte: Dean Jones, Wikimedia)
Philippe Coutinho (Fonte: Dean Jones, Wikimedia)

PRIMO TEMPO – Il Liverpool (ancora privo di capitan Steven Gerrard) si affida ad Henderson e Allen. Davanti a guidare l’attacco di Rodgers c’è Raheem Sterling, coadiuvato da Lallana e Coutinho sui lati, con i due ex di giornata Sturridge e Balotelli che si accomodano inizialmente in panchina. Dall’altra parte nel Manchester City Pellegrini sceglie Mangala in difesa di fianco a capitan Kompany, mentre davanti è Dzeko ad affiancare il Kun Sergio Aguero, con Silva e Nasri nel ruolo di fantasisti. L’uomo mercato James Milner (cercato proprio dal Liverpool) parte fra le riserve. Si comincia subito a ritmi altissimi nonostante la pioggia che piano piano diventa più intensa, come succede spesso nei grandi match della Premier League, ed è subito la formazione di casa a sbloccare la gara al minuto 11: ripartenza veloce orchestrata da Sterling e Coutinho, il pallone giunge ad Henderson che dal limite lascia partire un meraviglioso destro a giro che si insacca nel sette della porta difesa da Hart. Per il mediano inglese è il terzo goal stagionale in Premier League. Il City ferito nell’orgoglio e a caccia di punti importanti per accorciare sul Chelsea capolista (impegnato nel tardo pomeriggio contro il Tottenham nella finale di Capital One Cup) prova così fin da subito a riversarsi nella metà campo dei Reds a caccia del pari e al 25° arriva il goal dell’1-1: azione personale di Aguero che attira su di sè la difesa del Liverpool e poi regala a Dzeko un pallone perfetto che il centravanti bosniaco gira di destro alle spalle di Mignolet. Dopo il pareggio la partita si mantiene su ritmi comunque alti, ma di occasioni da rete se ne vedono poche, eccezion fatta per un tiro smorzato di Sterling nel finale di tempo parato agevolmente da Hart.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre senza novità a livello di formazioni, con le due compagini a darsi come sempre battaglia su ogni pallone. Il ritmo, però, si abbassa un poco, le difese prendono misura agli attacchi e si vede un maggiore giro palla in mezzo al campo, con Liverpool e City che ragionano maggiormente cercando il pertugio giusto per spaccare la gara. Pellegrini prova così a mischiare le carte di questa interessante partita a scacchi con Rodgers, inserendo Milner (un centrocampista) al posto di Dzeko (una punta) intorno all’ora di gioco, ma la mossa non dà assolutamente i frutti sperati, anzi il Liverpool piano piano guadagna campo e pone le basi per il goal che di fatto decide la gara al minuto 75: Philippe Coutinho si mette in proprio e converge da sinistra verso il centro, facendo poi partire un fantastico destro a giro dal limite che trafigge inesorabilmente Joe Hart per il 2-1. La reazione del Manchester City non tarda ad arrivare, con Aguero che pochi minuti dopo “scherza” in area con Lovren e batte di destro in diagonale, ma il suo destro termina di un soffio a lato della porta dei Reds. Pellegrini le tenta poi tutte inserendo anche Bony e Lampard, ma è il Liverpool ad avere due volte la palla del tris: prima il tiro di Coutinho viene deviato in corner dall’opposizione di un difensore avversario e poi è il neo entrato Sturridge a sciupare tutto con un sinistro in diagonale, dopo un pallone banalmente perso da Yaya Touré. L’ultima chance del match è per gli ospiti, ma il sinistro di David Silva termina abbondantemene fuori.

È dunque il Liverpool a trovare un meritato ed importante successo, sorpassando così al quinto posto in classifica di Premier League il Southampton, fermato ieri dal WBA di Tony Pulis. Per il Manchester City di Pellegrini, invece, niente punti recuperati al Chelsea, nonostante i Blues non siano impegnati causa coppa di lega in questo turno di Premier League.

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy