Premier League, storia del Merseyside Derby

Il sobborgo dove hanno sede Liverpool ed Everton
Il sobborgo dove hanno sede Liverpool ed Everton

Lo chiamavano “Friendly Derby”. Nel Merseyside, regione del north-west inglese, la sfida fra le due compagini più importanti della contea, ovvero il Liverpool e l’Everton, è da sempre vissuto in maniera molto amichevole da entrambe le tifoserie. In origine, le sedi delle due squadre erano nel nord di Liverpool e distanti solamente un miglio fra di loro, con il solo Stanley Park a dividerle. Inoltre l’Everton, fondata nel 1878, iniziò a giocare le proprie partite ad Anfield e solamente nel 1892, anno di fondazione del Liverpool, si spostò a Goodison Park. Non esistono divisioni politiche, religiose, geografiche o classiste per ambedue le tifoserie, anche se l’Everton è sempre stata la squadra più vicina agli immigrati irlandesi di fine. Infatti il soprannome del club “Toffees” deriva proprio da questa importante minoranza di immigrati che si stanziarono nella città portuale inglese durante il XIX-XX secolo. Ovviamente proprio per questo è sempre stata indicata come squadra più cattolica. Il Liverpool, d’altro canto, non tesserò giocatori Irlandesi fino al 1979, quando ad Anfield giunse un tale Ronnie Whelan. Il loro colore rosso è stato spesso ricondotto ad ambienti laburisti, per via del porto che caratterizza la città. Il primo derby fu giocato il 13 Ottobre del 1894 e vide i Toffees trionfare per 3-0 a Goodison Park. Per vedere la prima vittoria dei Reds, dobbiamo aspettare il 25 Settembre del 1897: 3-1 rifilato ad Anfield. Non c’è stato un campionato senza che una delle due squadre non partecipasse; l’Everton non è mai retrocesso, ma il Liverpool ha conquistato più trofei. Basti pensare solamente ai 18 campionati e alle 5 Champions League. I cugini hanno vinto solo 9 campionati ed in Europa una Coppa delle Coppe. Inoltre il Liverpool ha vinto 7 FA Cup, 8 League Cup, 15 Community Shield, 3 Coppe Uefa e 3 Supercoppe Europee. La bacheca dei Toffees invece conta 5 FA Cup e 9 Community Shield. Il derby si gioca ininterrottamente dal 1962 ed è la stracittadina inglese più longeva. Tra i più noti tifosi dell’Everton, troviamo Paul McCartney e Sylvester Stallone. Alcune voci ci indicano anche John Lennon come tifoso dei Toffees. Fra i più noti tifosi dei Reds, invece, abbiamo Nelson Mandela, Daniel Craig, Samuel Jackson e Angiolina Jolie.

Quest’anno sembra essere tornato grande interesse intorno a questa partita. Il Liverpool è secondo in classifica con 23 punti, a due di distanza dall’Arsenal capolista, e l’Everton invece è quinto a 20, insieme a Tottenham e Manchester United, con una sola sconfitta all’attivo. I Reds con Brendan Rodgers è riuscita a formare una squadra solita sia in attacco, dove la coppia Sturridge-Suarez (entrambi capocannonieri del torneo insieme ad Aguero con 8 gol) fa impazzire le difese avversarie, che in difesa, che varia dalle 3 alle 5 unità in base alla fase di gioco che comporta il ripiegamento degli esterni Johnson e José Enrique. Anche se quest’ultima compie spesso diversi errori, è comunque in crescita. I Toffees invece, guidati da Roberto Martinez, hanno un gruppo molto giovane che sta facendo incantare Goodison Park. Lukaku in attacco è una garanzia e sulle fasce sfrecciano Delofeu e Mirallas. Barkley inoltre sta crescendo notevolmente.

Nella storia il Liverpool detiene la supremazia cittadina con 85 vittorie ( 66 i successi dell’Everton e 67 i pareggi). Sabato a Goodison Park ( ore 13.45 italiane) la sfida è apertissima, ed entrambe vogliono vincerla. L’una per accorciare sulla vetta, l’altra per agganciare la zona Champions. Qualunque sia il risultato, a vincere sarà lo spettacolo. Lo spettacolo del calcio d’Oltremanica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy