Catania, arrestati 7 dirigenti: l’accusa è di frode sportiva

Dopo una salvezza strappa con tanta sofferenza, arrivano brutte notizie per il Catania Calcio e per i suoi tifosi.

Fonte: calciocatania (flickr.com)
Fonte: calciocatania (flickr.com)

Infatti la procura di Catania ha rilasciato l’ordine di custodia cautelare per 7 dirigenti della società etnea accusati di aver acquistato alcune partite per evitare la retrocessione ai rosso azzurri. Tra i dirigenti agli arresti domiciliari ci sono il presidente Nino Pulvirenti, l’ad Pablo Cosentino ed il dg Daniele Delli Carri. L’accusa per loro è grave: frode sportiva e truffa.

L’indagine, coordinata dalla DDA di Catania ha portato a delle perquisizioni, ancora in corso, della polizia a Catania, Chieti, Roma e Campobasso.

Già durante il campionato in corso erano stati posti dubbi sulla regolarità delle partite giocate dal Catania visti i flussi “anomali” segnalati sulle vittorie dei rosso azzurri come ad esempio nel derby contro il Trapani, vinto in rimonta 4-1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy