Champions League: la D. Zagabria pronta a sfidare l’Arsenal

Partita da “dentro o fuori” quella di domani tra D. Zagabria e Arsenal.

Fonte immagine: Roberta F. da Wikipedia
Fonte immagine: Roberta F. da Wikipedia

Le due formazioni si trovano in fondo alla classifica del gruppo F con 3 punti ciascuna. Una vittoria potrebbe rimettere in gioco uno dei due club per la qualificazione agli ottavi. Ovviamente devono sperare nella contemporenea vittoria di una squadra tra Bayern o Olympiakos; un pareggio eliminerebbe le speranze di entrambe.

I croati si affacciano all’incontro con molta tranquillità, consapevoli di non essere allo stesso livello dei “Gunners”. Un pareggio viene stimato come una vittoria dalla rosa della D. Zagabria. Il club occupa l’ultima posizione del girone con solo 3 goal all’attivo e 9 al passivo in 4 gare disputate. Un ruolino di marcia veramente poco gratificante. Non è meglio l’Arsenal, penultimo a pari punti, ma con il vantaggio di una migliore differenza reti. Il match di questa sera è un importante passo anche verso la qualificazione all’Europa League che si può raggiungere con il terzo posto.

Prima del match hanno parlato il capitano della squadra e l’allenatore. Partiamo dal tecnico Mamic che ha sottolineato l’importanza di agguantare almeno un pareggio: “Siamo felici di poter affrontare un’altra sfida di Champions League. L’Arsenal è un top team e gioca in uno stadio fantastico. Non ci servono motivazioni ulteriori: cercheremo di fare una bella gara e di ritornare a casa contenti. Evitare la sconfitta sarebbe un risultato strepitoso. Sappiamo quanto sia forte l’Arsenal e faremo del nostro meglio per sorprenderli. Cercheremo di ripetere la stessa prestazione offerta all’andata”. Le dichiarazioni sono state rilasciate in conferenza stampa.

Della stessa linea, sono le parole del capitano Antolic. Ecco l’essenziale della sua conferenza stampa: “Siamo onorati di poter affrontare una delle migliori squadre inglesi. Loro sono favoriti, ma noi ce la metteremo tutta. Il nostro obiettivo era qualificarci alla fase a gruppi, l’abbiamo già raggiunto e ora tutto quello che viene è un qualcosa in più per noi“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *