Chelsea-PSG 2-2, le pagelle dei francesi: la decidono i centrali di difesa, Ibra espulso

Il PSG era impegnato nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Chelsea, dopo l’1-1 dell’andata.

PSG
David Luiz. Fonte: Philippe Agnifili (flickr.com)

Ecco le pagelle degli uomini di Blanc:

Sirigu 6: non compie parate particolari e sui goal non ha colpe.

Maxwell 7: corre su e giù per la fascia per tutta la partita, a questi livelli all’Inter si era visto raramente.

David Luiz 7,5: per lui era la prima volta che tornava allo Stamford Bridge dopo l’addio di quest’estate. Viene fischiato per tutta la partita dai suoi ex tifosi ma gioca una partita straordinaria, segna il primo goal dei suoi e ne sfiora un altro con una punizione da distanza impossibile.

Thiago Silva 7,5: gioca un match perfetto, poi fa il frittatone causando il rigore che sembra dover chiudere la partita ma lui è l’anima ed il cuore di questa squadra e nel finale segna il goal della qualificazione per il PSG.

Marquinhos 7: in fase offensiva si vede raramente ma ha il grandissimo merito di essere riuscito ad arginare Hazard.

Matuidi 6,5: è l’uomo di centrocampo più pericoloso tra i suoi ma non riesce mai a concludere. (Lavezzi 5: sui calci piazzati fa bene, ma in campo non ne azzecca una.)

Thiago Motta 7: è il punto di equilibrio del PSG, veramente fondamentale nello scacchiere francese. Nel 2016 va in scadenza, qualche italiana quest’estate potrebbe farci un pensierino.

Verratti 7: vedere giocare l’ex giocatore del Pescara è una delizia per gli occhi di chi ama il calcio. E se si ragiona sul fatto che nessuno in Italia volle spendere quei 12 milioni per lui fa pensare tanto. (Rabiot 5,5: non riesce ad incidere nel match.)

Pastore 8: questa sera è lui il migliore in campo, tecnica e corsa al servizio della squadra. È la diapositiva perfetta della partita immensa del PSG.

Cavani 6: colpisce il palo sullo 0-0 ma per il resto fa poco. In Italia eravamo abituati ad un altro Matador.

Ibrahimovic s.v.: non si può dare una valutazione alla partita del numero 10 del PSG perché al 31° minuto è stato cacciato dal campo in maniera assurda, dopo un fallo da ammonizione.

Avatar

Alessandro Davani

Giovane giornalista alle prime armi. Amo cucinare, ascoltare musica ed il calcio. Seguo anche il Motomondiale, la F1, i Lakers (e l'NBA in generale) ed il rugby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy