Chelsea- PSG 2-2, Thiago Silva la risolve ai supplementari

A Stamford Bridge va di scena la sfida tra Chelsea e PSG, valevole per il ritorno degli ottavi di finale di Champions League,dopo l’1-1 maturato nella gara d’andata. José Mourinho sceglie gli stessi undici di Parigi, eccezion fatta per Willian, sostituito sulla trequarti da Oscar, con Ramires che va a destra. Dall’altra parte Laurent Blanc recupera Thiago Motta in mezzo, con David Luiz che torna sulla linea dei difensori. Davanti, Pastore è preferito a Lavezzi, non al top della condizione.

Fonte: Christophe Pelletier (Wikipedia.org)
Fonte: Christophe Pelletier (Wikipedia.org)

Come prevedibile, nel primo tempo è il PSG a mantenere maggiormente il possesso palla, con Thiago Motta e Verratti che si abbassano per dare il via alla manovra. Il Chelsea aspetta all’interno della propria metà capo, tentando di ripartire in velocità, sopratutto sulla sinistra con Hazard. Grazie ad una perfetta organizzazione difensiva la squadra di Mourinho non concede alcuno spazio agli avversari, come testimoniano i pochissimi palloni toccati da Ibrahimovic, spesso costretto ad abbassarsi per ricevere. Colpo si scena al 32′ quando Ibrahimovic entra nettamente in ritardo su Oscar. Intervento che Kuipers giudica da rosso diretto, scatenando le proteste dei francesi. PSG che rimane dunque in dieci, con Ibrahimovic che conferma la sua tradizione negativa in Champions. Nel finale ci prova Oscar dal limite, ma Sirigu non ha problemi a bloccare la sfera. Termina qui un primo tempo decisamente equilibrato, piuttosto intenso, in cui tuttavia i due portieri sono rimasti pressoché inoperosi.
Nell’intervallo Mourinho opera la prima sostituzione, inserendo Willian per Oscar. Al 48′ il neoentrato si rende subito pericoloso quando su un calcio di punizione da posizione defilata tenta direttamente il tiro, sorprendendo Sirigu, comunque bravo a respingere. In avvio di secondo tempo la partita assume un volto completamente diverso: il Chelsea, sfruttando la superiorità numerica, impone il proprio gioco al PSG, costringendo i francesi sulla difensiva. Al 57′ però sono gli ospiti a sfiorare il gol: Verratti si libera a centrocampo e serve Pastore, tocco in profondità per Cavani che, dopo aver saltato Courtois, colpisce clamorosamente il palo. L’occasione mette coraggio agli uomini di Blanc, che riprendono a premere, anche se la difesa dei blues si conferma ben organizzata. Al 79′ il Chelsea si affaccia in avanti: Willian manda in porta Ramires, la cui conclusione è respinta da Sirigu. Sul conseguente angolo la mischia è risolta da Cahill, che di controbalzo segna l’1-0. A questo punto Blanc gioca la carta Lavezzi, subentrato a Matuidi. Dopo un minuto dal suo ingresso in campo l’argentino impegna di testa Courtois. Il PSG non si arrende e all’86′ trova meritatamente il pareggio: Thiago Motta dalla bandierina pesca sul primo palo David Luiz, che di testa fa 1-1. Il brasiliano firma, contro la sua ex squadra, un gol davvero pesantissimo.

David Luiz - Fonte: rayand (Wikipedia)
David Luiz – Fonte: rayand (Wikipedia)

Si va ai supplementari. Mourinho getta nella mischia Drogba, al posto di uno stanchissimo Ramires. Al 94′ l’episodio che può decidere la gara: duello aereo tra Thiago Silva e Zouma, con il brasiliano che tocca il pallone con la mano. Kuiper non ha dubbi ed assegna il calcio di rigore al Chesea, trasformato con freddezza da Hazard. 2-1. Il PSG tenta di reagire ma, dopo tre quarti di gara giocati in dieci, la stanchezza si fa sentire. Il solito David Luiz al 100′ impegna Courtois con un bolide dalla distanza. La squadra di Blanc si affida ai calci piazzati. Al 112′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, miracolo di Courtois sul colpo di testa di Thiago Silva. Altro corner ed è ancora Thiago Silva a colpire, con la palla che stavolta termina in rete. 2-2 e PSG che vola ai quarti.
Termina così una gara sembre in bilico, piena di colpi di scena, giocata con grande intensità dalle due squadre. Dopo 120′ di battaglia a spuntarla è il PSG, che si prende la rivincita dopo l’eliminazione dello scorso anno. La squadra di Blanc ha il merito di non aver mai mollato, nonostante la prematura espulsione di Ibrahimovic, contro un Chelsea incapace per due volte di gestire il vantaggio acquisito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy