Cristiano Ronaldo stasera festeggia le cento partite in Champions League

Stasera per Cristiano Ronaldo sarà una serata speciale. Non solo perché il Real, scivolato terzo in Liga, è una delle pretendenti alla vittoria del titolo e non può far altro che vincere contro il Borussia Dortmund, ma anche perché quest’oggi giocherà la sua centesima partita di Champions.

Fonte immagine: Goatting (Wikipedia)
Fonte immagine: Goatting (Wikipedia)

CR7 ha giocato 99 partite finora, 52 con la maglia del Real e 47 con quella del Manchester United. In realtà giocò anche nei preliminari di Champions contro l’Inter, ai tempi dello Sporting Lisbona (2002, quindi a soli 17 anni). Per trovare il suo primo gol nella massima competizione europea, però, il portoghese impiegò ben 27 partite. Prima rete che arrivò contro un’italiana, la Roma, nello storico 7-1 all’Old Trafford.

Ma la partita in assoluto più importante fu indubbiamente quella del 21 maggio 2008. La finale nella quale i Red Devils trionfarono ai rigori contro il Chelsea. Quindi adesso, a 5 anni di distanza, Ronaldo cerca la sua seconda ‘coppa dalle grandi orecchie’, che sarebbe la fatidica ‘decima’ per il Real Madrid in cui milita attualmente e rappresenterebbe il coronamento di una stagione fantastica che lo ha visto vincitore del Pallone d’Oro a inizio anno.

I gol, in queste prime 99 partite sono stati ben 63. ‘Solo’ 15 con la maglia del Manchester, 48 con quella del Real. Grazie a questi numeri il portoghese è al momento terzo nella classifica capocannonieri all-time della Champions, dietro a Raul (71) e Messi (67). Ieri Messi (stranamente) non ha segnato, quindi stasera per CR7 c’è l’occasione di avvicinarsi ulteriormente al secondo posto, per poi puntare alla posizione più alta. Posizione più alta che detiene nella classifica marcatori dell’attuale edizione della Champions, con 13 centri. Il record della competizione è detenuto da José Altafini, che si fermò a 14. Che la partita di stasera possa valergli qualche altro record?

Avatar

Edoardo Ciotola

21enne che continua imperterrito a parlare di 'farsi i viaggi' e che sogna di diventare giornalista sportivo di professione. Metà napoletano e metà spagnolo (d'adozione). Cresciuto a pane e Fabri Fibra, ama il calcio (la fede è quella interista) e ascolta qualsiasi tipo di musica. Insomma, non ha le idee propriamente chiare, ma è talmente orgoglioso da essere capace di farne addirittura un vanto. In fin dei conti però una cosa è certa: la sua anima è unita, tramite punti di sutura, alla scrittura e alla comunicazione, di qualsiasi forma esse siano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy