Morte Ciro Esposito, avv. Contucci: “Il comunicato della Curva Sud non è scritto da anonimi”

La tragica morte di Ciro Esposito fa ancora discutere parecchio sia i tifosi che gli addetti ai lavori.

Fonte: Kian Saggiadi
Fonte: Kian Saggiadi

Il giovane tifoso napoletano, morto tragicamente a Roma prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina, è stato colpito da un colpo d’arma da fuoco con delle dinamiche ancora non molto chiare. Secondo le testimonianze dei presenti – e dello stesso Ciro – a sparare sarebbe stato Daniele De Santis, in passato ultras della Curva Sud, ora in carcere. Nella giornata di ieri la stessa Curva Sud ha diramato un comunicato nel quale affermava di non rinnegare un proprio “fratello”, ma di essere addolorata ed emotivamente vicina alla famiglia del ragazzo morto. A esprimersi sulla questione anche l’avvocato Lorenzo Contucci, esperto di questioni legate al tifo organizzato, che ai microfoni di Rete Sport ha dichiarato: “Il comunicato era assolutamente pubblicabile, non è da considerare come un testo scritto da anonimi perché non è dietro la sigla curva sud, ma gli ultras della Roma, perché si sa che nelle curve ci sono persone che hanno un certo peso“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy