Azerbaijan-Italia 1-3, le pagelle degli azzurri: brillano Verratti e Eder

L’Italia espugna lo stadio Olimpico di Baku e si qualifica con un turno d’anticipo ad Euro 2016: prestazione solida da parte degli azzurri di Antonio Conte che cancellano un quarto d’ora di amnesia dove l’Azerbaijan torna in partita e pareggia con una grande reazione. Ecco le pagelle dell’Italia.

Fonte: Nazionale Calcio (Flickr.com)
Fonte: Nazionale Calcio (Flickr.com)

Buffon 6- – Viene chiamato pochissime volte in causa e sul gol non è perfetto: il piattone di Nazarov lo prende in controtempo ma la traiettoria non sembrava imparabile.

De Sciglio 5,5 – Il 4-4-2 limita il suo potenziale offensivo visto l’eccessivo traffico di uomini nella metà campo avversaria. Gioca tanti palloni in fase di impostazione ciccando troppi appoggi e risultando superficiale in più di qualche copertura difensiva.

Bonucci 5,5 – L’altra nota negativa dell’Italia di oggi è Bonucci che si concede una leziosità di troppo nell’occasione del pareggio azero: grave per un giocatore del suo spessore tale incertezza, ancor di più se si tratta di una delle pochissime azioni di sfogo della nazionale di Prosinecki.

Chiellini 6 – Anche lui è imperfetto sul gol ma la sua svirgolata è decisamente più perdonabile rispetto al colpo di testa sbagliato dal collega. Nei contrasti è sempre pulito e non commette alcun fallo in tutta la partita.

Darmian 6,5 – La sua corsa ed il suo talento hanno faticato ad emergere ma l’azione del suo gol nel complesso è da grande giocatore: ottimo l’anticipo che dimostra le sue proprietà difensive, ben calibrato anche il tiro che si infila alle spalle di Aghayev e gli regala il primo gol in Nazionale.

Candreva 6 – Nel primo tempo punta troppo poco spesso l’uomo e fatica a creare superiorità numerica nell’out di sua competenza salvo poi sbloccarsi nell’azione in cui regala ad El Shaarawy il pallone del secondo vantaggio. Ben più pericoloso ed incisivo nella ripresa dove palla al piede riesce a mettere in seria difficoltà tutta la catena di sinistra dell’Azerbaijan. Dall’88’ Montolivo s.v.

Parolo 6 – Il centrocampo a due gli limita il raggio d’azione e la sua specialità, il buttarsi dentro negli spazi, gli viene quasi completamente negata. Nonostante queste condizioni riesce a dare ritmo al giro palla e col passare dei minuti cresce assieme alla squadra.

Verratti 7 – Prova di spessore per il numero 10 azzurro che detta i tempi e dà sia ordine che ritmo alla squadra. Perfetto il suo assist per Eder nell’azione dell’1-0, ottima la sua condotta di gara nella ripresa dove sbava solo in occasione di una scivolata troppo energica perdonata dal fischietto scozzese Collum.

El Shaarawy 6 – Il suo avvio di gara è piuttosto complicato e incontra difficoltà soprattutto nell’uno contro uno. Il gol è un regalo di Candreva ma da quel momento cambia marcia e nel secondo tempo riesce a farsi più vivo. Dal 74’ Florenzi 6 – Entra senza particolari sussulti, utile soprattutto per mantenere l’equilibrio della squadra.

Pellè 6 – Oggi si sono evidenziati alcuni suoi limiti tecnici e non tutti gli appoggi di prima sono andati a buon termine. Le sponde e i corpo a corpo vanno meglio nel finale di gara.

Eder 7 – Un gol da grande attaccante e una doppietta sfiorata solo per qualche centimetro. Eder è perfetto negli inserimenti senza palla ed è la vera spina nel fianco nella difesa azera. Mobile, veloce e abile nel dribbling:  il migliore in campo. Dal 79’ Giovinco 6,5 – Entra per chiudere la partita dimostrando oltre alle solite qualità tecniche anche una discreta forma fisica. Prima la strattonata di  Husenyov, poi la traversa gli negano il gol ma le sue prestazioni con la maglia della nazionale sono sempre di altissimo livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *