Bye bye Croazia, il Messico mostra i muscoli: 1-3 della Tricolor – Cronaca e pagelle

Con il Brasile con un piede negli ottavi di finale, la partita tra Croazia e Messico definirà quale delle due passerà la fase a gironi nel Gruppo A. I biancorossi come unica opzione hanno la vittoria, mentre i messicani possono accontentarsi anche di un pareggio. Le formazioni iniziali vedono Niko Kovac predisporre il solito 4-2-3-1, con Modric sulla linea dei trequartisti e Mandzukic unica punta; Miguel Herrera punta sul 3-5-2 con la coppia d’attacco dos SantosPeralta.

Hernandez - Fonte: Coconut85 (Wikipedia)
Hernandez – Fonte: Coconut85 (Wikipedia)

E’ la Croazia a farsi sentire per prima, con Perisic che raccoglie da un calcio d’angolo al 7′ ma la sua conclusione è troppo alta. Arriva presto il primo cartellino giallo della gara: è Rakitic a riceverlo dopo una brutta entrata su Vasquez. Grande occasione per il Messico che al 15′ si scatena con Herrera e il suo tiro che incontra l’incrocio dei pali. Quattro minuti più tardi grande filtrante di Herrera per Peralta, che a tu per tu con Pletikosa scivola e manca l’impatto col pallone. Bisogna attendere il 29′ per trovare uno squillo della nazionale a scacchi, col sinistro dal limite di Perisic troppo largo. Brutta entrata da dietro di Marques su Perisic e per lui c’è l’ammonizione. Queste sono le azioni salienti del primo tempo: poca concretezza ma tanta tensione in campo, i giocatori sentono l’importanza dell’incontro.

Marquez contro Marcelo - Fonte: Marcello Casal Jr/Agência Brasil (Wikipedia)
Marquez e Marcelo – Fonte: Marcello Casal Jr/Agência Brasil (Wikipedia)

Le squadre rientrano in campo senza effettuare sostituzioni. Nei primi dieci minuti le squadre provano a farsi male ma le sortite offensive sono confuse e non portano frutti. La prima sostituzione della gara arriva per la Croazia: Vrsaljko torna in panchina e al suo posto entra Kovacic. Il centrocampista dell’Inter si mette subito in mostra con un filtrante per Olic, ma la punta viene anticipato e manca l’impatto col pallone. Primo cambio anche per la Tricolor: fuori dos Santos, dentro Hernandez. Grandi proteste da parte di quest’ultimo al 64′ quando un tiro di Guardado viene respinto con il braccio da Srna: per l’arbitro è calcio d’angolo. In tutto questo Vasquez prende un cartellino giallo e salterà gli eventuali ottavi di finale per diffida. Altre forze fresche per la Croazia: entra Rebic al posto di Olic. Al 71′ la partita si sblocca: calcio d’angolo per il Messico, Marquez svetta di testa e insacca la palla in rete. La reazione immediata della Croazia arriva dai piedi di Modric, che si smarca bene sulla destra e mette in mezzo, ma il suo pallone è troppo potente per essere utilizzato dai compagni. Kovac gioca l’ultima carta: Jelavic entra al posto di Pranjic. Ma è tardi per i biancorossi che crollano: ripartenza larga dei centramericani, viene liberato Guardado sulla sinistra che non può far altro che scaricare la palla in rete. Al 77′ grande serpentina di Rebic sulla sinistra e piazza la palla sul secondo palo, ma Moreno interviene in scivolata ed evita la rete dei croati. Seconda sostituzione per la Tricolor: esce Peralta e al suo posto entra Pena. Ormai ci sono solo i messicani in campo e Hernandez realizza il 3-0 al 82′: calcio d’angolo con spizzata di Marques, il Chicharito spunta dalle retrovie e di testa appoggia la palla in rete. Ultimo cambio per i centroamericani: Guardado lascia il campo a favore di Fabian. Moto d’orgoglio per i croati che realizzano una gran rete: palla a Rakitic che sul limite dell’area finta di entrare e serve di tacco Perisic, che in corsa raccoglie e mette la palla alle spalle di Ochoa. Cartellino rosso diretto a Rebic che commette una brutta entrata su Pena dopo che ha perso malamente palla. Nel primo dei quattro minuti di recupero palla in mezzo all’area per Perisic che prova il tiro al volo, ma Ochoa da due passi riesce ad impedirgli la doppietta.   Si chiude qui l’incontro e il Girone A: il Messico, con una prestazione più che convincente, passa il turno come seconda classificata e agli ottavi incontrerà l’Olanda. La Croazia torna a casa con la coda tra le gambe e qualche rimpianto.   IL TABELLINO CROAZIA 1-3 MESSICO Croazia (4-2-3-1): Pletikosa 5; Srna 5.5, Corluka 6, Lovren 5, Vrsaljko 6 (dal 57′ Kovacic 5.5); Rakitic 6.5, Pranjic 6 (dal 74′ Jelavic 5); Perisic 6.5, Modric 6.5, Olic 5 (dal 69′ Rebic 6.5); Mandzukic 5. A disp.: Vida, Eduardo, Brozovic, Vukojevic, Subasic, Sammir, Badelj, Zelenika, Schildenfeld. All.: Niko Kovac. Messico (3-5-2): Ochoa 6.5; Aguilar 6, Rodriguez 6, Marquez 7; Moreno 6.5, Layun 6, Herrera 6.5 (dal 84′ Fabian s.v.), Vazquez 6.5, Guardado 7, dos Santos 5.5 (dal 62′ Hernandez 6.5), Peralta 6 (dal 79′ Pena 6). A disp.: Jimenez, Brizuela, Ponce, Corona, Aquino, Salcido, Reyes, Pulido, Talavera. All.: Miguel Herrera. Marcatori: 71′ Marquez, 75′ Guardado, 82′ Hernandez (M); 87′ Perisic (C) Ammonizioni: Rakitic (C); Vazquez, Marquez (M) Espulsioni: Rebic (C)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy