Chelsea, l’augurio di Mourinho: “Più collaborazione con i ct delle nazionali”

Sono in aumento i tecnici che, dopo gli impegni con le nazionali, si ritrovano a dover fronteggiare gli infortuni dei loro giocatori.

Mourinho (Fonte: gowestphoto - wikipedia.org
Mourinho (Fonte: gowestphoto – wikipedia.orgrinho

A questi gruppo si è aggiunto, dopo l’ultimo impegno, anche José Mourinho che deve fare i conti con l’infortunio di Diego Costa, la cui condizione è peggiorata durante gli impegni con la nazionale,  Obi Mikel,  Andre Schurrle e Ramires tornati anche loro non al meglio dopo i match con le proprie nazioni.

Per questo Mourinho si è così espresso: “Di tutti i ct ho un solo numero di telefono, quello di Roy Hodgson. È l’unico ct che mi contatta personalmente e col quale c’è un rapporto corretto. Dà fastidio quando vedi i tuoi giocatori andare in nazionale che stanno bene e poi tornare infortunati. Se un giorno diventerò ct, spero fra 20 anni, farò tesoro di questa esperienza. Non ci sono leggi che proteggono i giocatori e tocca a ct ed allenatori decidere se prendersi cura di loro o trattarli in modo egoistico. Io non dico ai miei giocatori di non andare o di fingere un problema, siamo felici se hanno successo con le loro nazionali ma è una situazione che sfugge al nostro controllo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy