Gervinho e Bony piegano il Giappone: la Costa D’Avorio vince 2-1

Comincia bene il Mondiale per la Costa D’Avorio che nel primo match del girone C trionfa per 2-1 contro il Giappone del nostro Alberto Zaccheroni. Bel match, sempre giocato su alti ritmi con un primo tempo svoltosi sotto un diluvio che ha visto i giapponesi andare subito in vantaggio con il milanista Honda ma nel secondo tempo gli elefanti indomabili hanno ribaltato il risultato in 2 minuti prima con Bony e poi con Gervinho.

autore: Roger Gorączniak - wikipedia.org
autore: Roger Gorączniak – wikipedia.org

Tanti “italiani” in entrambe le formazioni: nella Costa D’Avorio, in campo con il 4-3-3 schierato dal CT Lamouchi, il romanista Gervinho guida l’attacco insieme a Bony e Kalou mentre, a sorpresa, Drogba viene lasciato in panchina. Nel Giappone, invece, Zaccheroni schiera un 4-2-3-1 con gli uomini migliori che ha tra i quali figurano l’interista Nagatomo e il milanista Honda, posizionato insieme a Kagawa e Osako dietro l’unica punta Okazaki.

 

Il match comincia subito con dei ritmi alti con entrambe le squadre che sembrano giocare a viso aperto e senza alcun timore reverenziale. I ritmi alti, però, premiano soltanto il Giappone che al 16esimo minuto passa in vantaggio con Honda che dal limite dell’area buca Barry con un imprendibile sinitro all’incrocio dei pali. I Samurai Blue provano ad approfittare del momento di difficoltà degli africani e pochi minuti dopo con Uchida sfiora il raddoppio ma Barry si oppone. Passa il tempo e la Costa d’Avorio cresce intensificando gli attacchi e sfiorando il pari sul finale di tempo con Kalou che tutto solo in area manca il bersaglio.

Il secondo tempo comincia con tanti errori da ambo le parti dovuti alla stanchezza dei ritmi della prima frazione di gioco ma una mossa del CT ivoriano Lamouchi spezza gli equilibri: entra Drogba al posto di Serey e gli elefanti indomabili cambiano marcia. Passano appena due minuti dal suo ingresso in campo che arriva il pareggio grazie a Wilfried Bony che di testa buca Kawashima. Gli elefanti sono indomabili e dopo altri 120 secondi di gioco il risultato è ribaltato grazie al romanista Gervinho che in un’azione fotocopia al goal precedente insacca nella porta giapponese: è 2-1. Il Giappone non riesce a reagire alla freschezza di Drogba e agli ivoriani gli ultimi 20 minuti di gioco servono solo per gestire il risultato.

 

Finisce 2-1 a Recife con la Costa d’Avorio che trova i primi tre punti della propria spedizione brasiliana e si candida come possibile vincitrice del girone, affare che si deciderà tra 4 giorni contro la Colombia. Per il Giappone di Zaccheroni, invece, è una brutta battuta d’arresto sopratutto per le belle cose fatte vedere nella prima frazione di gioco che però hanno mandato fuori giri i samurai nella ripresa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy