Gigi Riva: “I milioni nel calcio? Con un decimo di quei soldi si possono salvare le fabbriche”

È stato, ed è, un personaggio scomodo. Gigi Riva, in un’intervista al quotidiano “Pubblico”, non le manda a dire. Spiega perché non ha partecipato alla spedizione azzurra in occasione dell’Europeo di quest’anno: “Ho avuto una spalla che mi ha dato dei problemi. Per questo non sono andato agli Europei da team manager della Nazionale.

Gigi Riva

Non voglio mollare, solo avere un po’ meno responsabilità. Sono venticinque anni che viaggio“. Parlando dei giovani dice: “Penso a Destro, mi immagino che notte avrà passato dopo aver segnato l’1-0 a Malta. Penso ad una notte bellissima, elettrizzante. Sensazioni che anch’io ho provato e che ricordo con grande intimità“. E, alla domanda, su cosa non tollera nel mondo del calcio, “Rombo di Tuono” va giù duro: “Le cifre. I milioni di euro di cui si parla: cinquanta, sessanta, settanta milioni. Con un decimo di queste valutazioni o di certi introiti si salverebbero fabbriche di quattrocento persone.“.

Avatar

Raffaele Zanfardino

Direttore responsabile della testata.

2 pensieri riguardo “Gigi Riva: “I milioni nel calcio? Con un decimo di quei soldi si possono salvare le fabbriche”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy