Grazie comunque

E’ finita nel peggiore dei modi. Con un’Italia travolta ed umiliata da una Spagna che, con la partita di ieri, in un solo colpo porta a casa due record: è la prima squadra del vecchio continente a mettere a segno tre vittorie di seguito tra campionati europei e coppa del mondo ed è la prima nazionale ad aggiudicarsi una finale continentale con più di tre gol all’attivo.

Fonte immagine: Roberto Vicario

Eppure fino a ieri sera la Spagna non aveva certo impressionato. Il finto centravanti di barcelloniana memoria non aveva convinto evidenziando tutti i suoi limiti nell’impietoso confronto tra i pur entrambi straordinari interpreti chiave del gioco, Messi da un lato e Fabregas dall’altro. Fino a ieri sera, per l’appunto, quando le furie rosse si sono trovate al cospetto dell’Italia, l’unica squadra che più di qualunque altra avrebbe potuto patire la gabbia formata da Xavi, Iniesta e lo stesso Fabregas. Perché Pirlo ce l’ha solo l’Italia. Il risultato è stato che il regista bresciano, cardine indiscusso della manovra azzurra, ha dovuto arretrare il suo raggio di gioco fino a posizionarsi spesso e volentieri al centro della coppia di difesa formata da Barzagli e Bonucci. Una condizione fisica della rosa ormai allo stremo ha fatto il resto. E forse, decidere di correre dietro la palla anziché agli avversari è stato il vero errore commesso dall’Italia ieri sera. Ma soffermarsi sulla partita di Kiev sarebbe poco significativo e sicuramente ingiusto. Che la Spagna fosse un’altra squadra rispetto a quella osservata fino alla semifinale con il Portogallo lo si era intuito sin dalle prime battute della partita, quando un possesso palla a ritmi vertiginosi e verticalizzazioni tanto improvvise quanto efficaci mandavano continuamente in bambola l’undici azzurro. La certezza si è avuta quando Fabregas ha preso un metro in un fazzoletto di campo a Chiellini servendo a Silva l’assist dell’uno a zero. Era il quarto d’ora del primo tempo. E l’Italia non si sarebbe più ripresa. Snocciolare teorie su approcci, tattiche ed interpreti servirebbe a poco. L’impressione è infatti che ieri sera a Kiev la sostanza avrebbe comunque prevalso sulla forma. E la sostanza è che la Spagna è più forte. Finisce così un Europeo del quale ci resteranno comunque impresse nella memoria le epiche sfide con Inghilterra e Germania, il rammarico per ciò che poteva essere e comunque la gratitudine per un gruppo ed un allenatore che fino all’ultimo hanno regalato emozioni e speranza tenendo incollati ai televisori ed ai maxi schermi nelle piazze milioni di italiani. Cosa che riesce solo alle rivoluzioni. Ed allo sport più bello del mondo. Il calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy