Honduras, assassinato il capitano della Nazionale Peralta

Dramma in Honduras, dove la scorsa notte è rimasto vittima di un brutale assassinio il centrocampista e capitano della Nazionale honduregna, il ventiseienne Arnold Peralta.

Fonte: Jim Easton (Wikipedia.org)
Fonte: Jim Easton (Wikipedia.org)

L’ omicidio è avvenuto nel parcheggio di un centro commerciale nella città costiera di La Ceiba. Le prime ricostruzioni dell’accaduto parlano di una rapina ai danni del centrocampista dell’Olimpia Tegucigalpa, che sarebbe stato freddato con 13 colpi di pistola, che lo avrebbero centrato per lo più alla testa. I testimoni raccontano di aver visto due uomini a bordo di una moto avvicinarsi all’auto del calciatore honduregno e sparare dei colpi che lo hanno raggiunto anche al torace e al volto. Subito nel suo Paese sono state interrotte tramissioni radio e televisive per dare notizia dell’accaduto, con l’intera Nazione honduregna caduta nello sconforto.
Peralta, che lascia la moglie ed una bambina di soli quattro mesi, nel Novembre dello scorso anno aveva pubblicamente preso posizione contro le bande criminali presenti nel suo Paese, affermando: “Il nostro e’ un Paese difficile con tanti delinquenti che uccidono in ogni momento. Come va di moda uccidere! Questo tipo di persone non merita di vivere”.
Con la propria Nazionale, con la quale Peralta doveva tra l’altro scendere in campo la prossima settimana in un’amichevole contro Cuba, ha disputato 29 gare; inoltre Peralta vanta anche una militanza in Europa, nel club scozzese dei Rangers Glasgow, dove è rimasto due stagioni, dal 2013 al 2015, mettendo insieme 21 presenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *