Malta-Italia 0-1, le pagelle degli azzurri: Pellè subito decisivo, Giovinco suona la carica

L’Italia di Conte ha vinto la terza partita consecutiva nelle qualificazioni ad Euro 2016 battendo Malta 0-1. Ecco dunque le pagelle degli azzurri:

Fonte immagine: Biser Todorov
Fonte immagine: Biser Todorov
Buffon s.v.: Per la terza volta di fila partita di tutto riposo per il capitano azzurro. Troppo facile incrementare il record di presenze in Nazionale.
 
Darmian 5,5: Posizione atipica per l’esterno del Torino, i cui rari sganciamenti non risultano fruttiferi e portano anche ingenuamente al giallo.
 
Bonucci 4,5: Stavolta il playmaker da sostituire all’occorrenza è Verratti, ma non riesce a prodursi in suggerimenti degni di nota. Data la solfa si mette a twittare per passare il tempo, così al primo vero intervento arriva tardi e si fa buttare fuori.
 
Chiellini 6: Continua a provarci di testa come contro l’Azerbaijan, colpendo anche il palo. Lavoro tranquillo nelle retrovie.
 
Candreva 5: Data l’occasione da titolare ci si aspettava un po’ di più: benché si dimeni, ottiene poco sull’out di destra dove pur trovando sempre l’affondo non è mai incisivo. Nel secondo tempo gioca quasi sempre in orizzontale e le pennellate lasciano a desiderare; altro che “Canova”.
 
Florenzi 5,5: Partita onesta, condita dall’espulsione procurata a Misfud. A volte sembra limitarsi al compitino quando farebbe piacere apprezzare la sua esplosività (dal 55′ Aquilani 5,5: Non offre la qualità sperata e pure lui si fa inghiottire dal vortice del palleggio insistito).
 
Verratti 5,5: Non una prestazione particolarmente brillante. Subisce il gioco rude dei maltesi in silenzio, ma la sua pazienza non viene ripagata. Alla fine si adegua anche lui alla melina stantia ed esce fuori dalla vetrina a dispetto della prolungata superiorità numerica.
 
Marchisio 6: Qualche inserimento, una botta da fuori e niente più. Non fa molto per cambiare l’inerzia del match.
 
Pasqual 6: Si segnala specialmente per i proverbiali traversoni, che tanto sono mancati negli ultimi tempi alla Nazionale da quella fascia mancina; deciso anche di fisico. Tuttavia ad oggi l’impressione è che sia destinato ad essere solo di passaggio in questo nuovo ciclo.
 
Immobile 5,5: Si sbatte molto come al solito, ma la fatica è vana. La ricerca del goal è disperata. Nella ripresa si trova sulla testa un’occasione d’oro, ma finisce col regalare applausi gratuiti a Hogg (dal 65′ Giovinco 6,5: Finalmente un po’ di carica per gli azzurri: come contro l’Azerbaijan entra e diventa protagonista, riportando la squadra ad essere un minimo manovriera, prendendo anche stavolta il legno. Può scavalcare le gerarchie).
 
Pellè 6,5: Approccia il match con un piglio diverso rispetto ai compagni e lo dimostra già al primo tocco di palla con un colpo di tacco intelligente. La sua verve si palesa ancor di più al 16′, quando la traversa gli rigetta via il primo, meritatissimo goal in azzurro; gioia rinviata di soli 7 minuti, con esultanza sentita, ma contenuta, da vero giocatore di livello. Nel complesso si muove bene su tutto il fronte e si configura ad unica spina nel fianco della retroguardia maltese soprattutto nella prima metà di gioco, per poi affievolirsi lentamente (dal 75′ Ogbonna 6: In meno di 20 minuti tocca più palloni di Pellè a furia di controllare all’indietro; di fatti non è mai chiamato in causa seriamente, a parte per un piccolo spavento generato da un controllo imperfetto di Aquilani nel finale).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy